Molto conosciuto dai cuochi e cuoche italiane, l’aglio è molto più che un semplice ingrediente per piatti invitanti. Questa pianta bulbosa appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è una componente fondamentale per molte ricette vegetariane e non. È allo stesso tempo un rimedio naturale molto efficace e da non sottovalutare.

Le qualità dell’aglio

L’aglio ha molte qualità, tra cui senza dubbio spicca quella di antibatterico naturale. Una possibile applicazione di questa pianta riguarda ad esempio i casi di mal di denti, per i quali fornisce un considerevole aiuto soprattutto se ci si trova nell’impossibilità di ricevere assistenza presso il proprio dentista. Per utilizzarlo basta schiacciarne uno spicchio fino a ridurlo in poltiglia, applicandolo poi sul dente dolorante per alcuni minuti. Importante riempire bene la cavità del dente e coprire anche le pareti laterali con cura.
L’azione antibatterica di questa pianta può rivelarsi utile anche nel trattamento delle ulcere come anche di raffreddore e tosse. In questi ultimi due casi sarà d’aiuto un bicchiere di latte caldo con uno spicchio di aglio ridotto a poltiglia e aggiunto alla bevanda.

Aglio come rimedio naturale

I suoi utilizzi “interni” non si esauriscono però qui considerata la sua azione di controllo della pressione arteriosa e la capacità di intervenire anche in caso di diarrea. Questo in quanto agisce non soltanto da antibatterico naturale, senza intaccare la flora intestinale, ma agisce anche nel favorire il ripristino del normale equilibrio di quest’ultima.

Favorisce inoltre l’aggregazione delle molecole di alcuni metalli pesanti come mercurio e cadmio favorendone così l’espulsione da parte dell’organismo. Molti anche i suoi possibili utilizzi cutanei o relativi al cavo orale, come ad esempio nel caso di afte, herpes, acne e mal d’orecchio.

In quest’ultimo caso non sarà sufficiente l’applicazione dell’aglio sulla parte, ma sarà richiesta l’immersione di uno spicchio tritato nell’olio tiepido, non bollente, per circa 15 minuti. Una volta pronto applicarne alcune gocce sulla parte dolorante, aiutandosi se necessario con un cotton fioc.

Un utilizzo che solo di recente è stato studiato a livello scientifico è quello relativo all’attenuazione degli effetti negativi provocati da chemio e radioterapia. Questi i risultati a cui sono giunti i ricercatori della School of Public Health, presso la Shandong University in Cina.

Utile anche contro le allergie, l’aglio deve essere tuttavia utilizzato con cautela da diabetici e soggetti ipoglicemici in quanto agisce nel controllo dei livelli di glicemia nel sangue.

27 settembre 2013
I vostri commenti
antonio, domenica 29 giugno 2014 alle12:38 ha scritto: rispondi »

Per circa 15 giorno per 3 volte al dì prima dei pasti mangiavo 2 spicchi di aglio crudi.....facendoli a tanti pezzettini e li ingoiavo con subito un gran bel sorso di acqua....poi mi è capitato un broblema virale alla pancia con febbre per 4 giorni e dopo si è manifestato una Cistite che ho ancora in atto.... mica me lo ha potuto capitare aglio che ho mangiato... posso continuarlo a mangiarlo? mi trovavo beninissimo mi faceva anche dimagrire .... speriamo che posso continuarlo a mangiare grazie ....della risposta

Guglielmo, sabato 26 aprile 2014 alle8:26 ha scritto: rispondi »

Interessante e istruttivo, bravi, grazie.

francesco, sabato 28 settembre 2013 alle11:13 ha scritto: rispondi »

ottima

Lascia un commento