Quando la polizia lo ha fermato, Scott Stockert è apparso confuso e disorientato, ma sicuro di voler portare a compimento il suo progetto di rapimento. L’uomo, originario del North Dakota, aveva deciso di rapire i cani Bo e Sunny, non due animali qualsiasi ma bensì i due quadrupedi di affezione del Presidente degli USA Barack Obama. Migliaia di chilometri a bordo del suo pick-up solo per rapire i due esemplari di razza Cão de água português, ovvero cane d’acqua di origine portoghese, considerato storicamente il cane dei pescatori e dall’indole affettuosa ma anche intelligente.

Intercettato dalle forze dell’ordine del Minnesota, l’uomo di 49 anni è stato segnalato alle autorità vicine al Presidente, quindi fermato con estrema facilità in un albergo di Washington DC. Stockert è stato sottoposto a un serrato interrogatorio ma le risposte hanno lasciato allibiti gli agenti, che hanno compreso lo stato confusionale dell’uomo. Il presunto rapitore si è identificato come Gesù Cristo, di essere figlio di John Fitzgerald Kennedy e di Marilyn Monroe e tra i suoi progetti quello di candidarsi alla Presidenza degli Stati Uniti nonché di rapire i due cani.

Dopo un’ispezione all’interno della sua auto sono state identificate alcune armi non registrate e diverse munizioni tra cui alcuni fucili e un machete, per questo è stato accusato di aver violato le limitazioni del Distretto della Columbia in merito al possesso di armi. Con il suo fermo gli agenti hanno quindi sventato un probabile pericolo ordito nei riguardi dei due pacifici cani, ma anche nei confronti della sicurezza della famiglia e di Obama stesso. Bo e Sunny sono ormai parte integrante del nucleo familiare e, come da tradizione, completano il team presidenziale. La scelta è ricaduta su questa razza e su Bo a causa dell’allergia della figlia Malia al pelo di Fido. I cane d’acqua di origine portoghese pare risultino maggiormente indicati in situazioni di questo tipo, perché favoriscono un impatto allergico molto minore.

11 gennaio 2016
Fonte:
BBC
Lascia un commento