Non è raro che all’interno dell’automobile si percepiscano degli odori sgradevoli, dovuti alle più svariate condizioni: un abitacolo poco esposto all’aria, il vizio del fumo, tappetini inumiditi dalla pioggia, trasporto di animali domestici e tanto altro ancora. Ma come deodorare la propria vettura, ricorrendo a rimedi naturali e metodi fai da te?

Il primo passo per un’automobile sempre profumata, è quello di effettuare una ciclica e completa pulizia: si dovrà rimuovere la polvere, lo sporco sedimentato, aspirare i sedili e controllare ogni anfratto, per evitare l’accumulo delle più svariate sostanze. Dopodiché, ci si può lanciare nella realizzazione di qualche deodorante del tutto naturale e dal ridotto costo.

Assorbire gli odori

Qualora dopo la pulizia degli interni della vettura dovesse persistere un odore poco gradevole, come quello dovuto all’umidità dei tessuti, prima di impiegare deodoranti è necessario arieggiare l’ambiente. In alternativa, si può far ricorso al classico bicarbonato, dall’alto potere assorbente. Utilizzarlo è molto semplice, nonché mediamente sicuro: è sufficiente dotarsi di una ciotola, riempirla per metà di bicarbonato e lasciarla per una notte sul cruscotto oppure sopra ai tappetini. La sostanza tamponerà gli odori più sgradevoli, diminuendone l’intensità. Il tutto, senza rovinare gli interni dell’auto, né i suoi tessuti, poiché il bicarbonato non entrerà direttamente in contatto con nessun elemento della vettura.

Sacchetti profumati

Un metodo semplice per avvolgere l’abitacolo di un profumo fresco e naturale, è quello di ricorrere ai classici sacchetti di cotone, gli stessi che possono essere utilizzati anche all’interno dell’armadio. Realizzarli è molto semplice: si prendano due scampoli di stoffa, per poi cucirli al rovescio su tre lati, lasciandone quello superiore aperto. Si rovescia quindi nuovamente il tessuto, affinché le cuciture siano all’interno, e si riempie il sacchetto realizzato a piacere.

Si può far ricorso alla lavanda secca, un classico rimedio naturale per profumare i piccoli ambienti, ma anche alle bucce di agrumi, a un bouquet di fiori di campo sempre secchi, foglie di tè e molto altro ancora. Per risultati più intensi, si può inserire un piccolo batuffolo di cotone ricoperto di qualche goccia della propria essenza preferita, ad esempio il Tea Tree Oil. Basterà quindi chiudere il tutto con dello spago o del nastro colorato, quindi posizionare il ritrovato fai da te nella zona preferita dell’automobile: sul cruscotto, sotto i sedili, nei cassetti portavivande e via dicendo.

Stoffa ed essenze

Qualora si volesse realizzare un profumo da appendere al classico specchietto retrovisore, simile ad alberelli e altri ritrovati commerciali, sarà sufficiente armarsi di ago e filo, ma anche di qualche essenza naturale.

Molto utile sarà ricorrere, fra i tanti tessuti, al feltro: è resistente, altamente assorbente e non necessita di mani troppo sapienti per poter essere trasformato nella forma desiderata. Con l’aiuto di un cartamodello, anche improvvisato, si ritagli dal feltro la propria figura preferita: una stella, un dado, un frutto o qualsiasi altro oggetto suggerisca la fantasia. Si effettui quindi un foro all’estremità superiore e si aggiunga un nastrino colorato, che fungerà da gancio per lo specchietto. Qualora si fosse particolarmente creativi o allenati con la cucitura, sarà anche possibile effettuare un bordino decorato, anche giocando con tinte in contrasto.

Realizzata la base, sarà sufficiente inumidire lievemente la creazione con qualche goccia della propria essenza preferita: oltre al già citato Tea Tree Oil, tra i più intensi la menta, gli estratti agli agrumi, nonché le note floreali più disparate.

Palline in legno

Un ritrovato molto veloce per deodorare l’abitacolo, nonché davvero a impegno zero, è ricorrere alle palline in legno profumate. Possono essere comodamente lasciate nel portavivande, nei cassetti, nel posacenere o nel vano portiera della vettura, mentre possono essere già acquistate con essenze oppure realizzate in ambito domestico.

Alcuni legni, come il sandalo e il cedro, presentano naturalmente un’intensa e gradevole nota olfattiva. Qualora si ricorresse ad altre tipologie di legno più comune, basterà inumidirne uniformemente la superficie con dell’olio essenziale di propria preferenza, per diverse settimane di inconfondibile profumo.

17 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento