Priva 14 cani di cibo affinché si sbranino l’un l’altro: condannato

È una storia di drammatica violenza sugli animali quella che proviene da Hong Kong, tale da sollevare indignazione a livello internazionale. Un uomo è infatti stato condannato per aver privato 14 cani di cibo e acqua, spingendoli indirettamente a sbranarsi l’uno con l’altro. Un atto inspiegabile e crudele, punito con un anno di carcere dalle autorità locali.

Il tutto è accaduto nel corso dell’ultimo anno: uno chef di Hong Kong avrebbe infatti chiuso 14 cani all’interno di un piccolo appartamento, insieme a cinque tartarughe e altri esemplari domestici. L’uomo non avrebbe però provveduto al loro sostentamento, non fornendo cibo né acqua, tanto che pare i quadrupedi fossero giunti addirittura ad attaccarsi reciprocamente pur di sopravvivere.

=> Scopri lo squalo maltrattato da un gruppo di studenti


La scoperta dell’incredibile maltrattamento è giunta qualche settimana da, quando il proprietario dell’abitazione, giunto sul posto per una normale visita, ha percepito un forte odore provenire dall’abitazione, nonché un silenzio insolito. I vicini di casa, infatti, pare da tempo avessero riferito un abbaiare continuo provenire dall’appartamento. Data l’impossibilità di convincere lo chef a raggiungerlo sul posto, il proprietario ha chiamato la polizia, così come spiega il South China Morning Post.

Gli agenti, giunti sul posto, hanno trovato 8 cani deceduti, in uno stato di decomposizione già avanzato, con ossa a vista e morsi forse dovuti all’azione degli altri affamati quadrupedi. Altri sei esemplari, in complesse condizioni di salute, sono invece stati affidati alla SPCA, così come le tartarughe, disidratate e denutrite.

=> Scopri Tom Hardy contro il maltrattamento dei cani


Lo chef, dichiaratosi colpevole, ha spiegato di essere un appassionato di animali desideroso di acquistare un’abitazione più grande per i suoi esemplari, tuttavia le condizioni di accudimento prive di igiene, così come la privazione di acqua e cibo, non hanno convinto i giudici. Le corti hanno infatti condannato il colpevole a un anno di carcere. Secondo la difesa, l’uomo avrebbe vissuto un momento molto difficile nella sua esistenza, a seguito della perdita di un’ingente somma di denaro e alla fine di una relazione amorosa.

6 dicembre 2017
Lascia un commento