La primavera è finalmente arrivata e la sua entrata è stata davvero in grande stile: su tutta la Penisola si registrano temperature superiori alla norma, per quella che è di fatto la prima settimana soleggiata dello Stivale. I continui ritardi all’arrivo della bella stagione, però, hanno avuto un effetto collaterale di sicuro pregio per molti malati cronici: le allergie ai pollini paiono essere più contenute rispetto agli anni passati.

>>Leggi dell’aumento delle allergie al polline entro il 2040

Ci è voluto un mese di ritardo prima che la primavera si palesasse, dopo continue piogge e addirittura nevicate fuori stagione al Nord Italia. E così anche le allergie di stagione si sono fatte attendere – e continuano a essere ridotte ai minimi termini – anche in queste prime giornate di piacevole caldo. l Servizio di Allergologia e Immunologia Clinica della Fondazione Maugeri di Pavia, da sempre impegnato nel monitorare la quantità dei pollini in circolazione in atmosfera, spiega infatti come i valori tutt’oggi rilevati siano scarsi o comunque discreti.

I livelli di concentrazione di pollini sono attualmente bassi. Le betulacee, che a questo punto della stagione solitamente registrano un picco di presenza nell’aria, quest’anno hanno registrato livelli medi in marzo e livelli molto bassi in queste ultime due settimane. Fino a oggi, abbiamo riscontrato valori scarsi o discreti anche per le altre famiglie allergeniche: cupressacee, corilacee e oleacee. Le più temute, le graminacee, hanno mostrato sporadiche presenze, non degne di segnalazione.

>>Scopri la rete di monitoraggio del polline

Il weekend piovoso che si prospetta all’orizzonte dovrebbe continuare a mantenere questa situazione di pace per i nasi e la gola di molte persone allergiche, ma gli esperti rimandano comunque a una certa allerta: il processo di rinascita della natura è ormai iniziato e nelle prossime settimane assisteremo a un aumento dei pollini in libera circolazione. Per questo motivo, si invitano i pazienti predisposti a controllare il sito FSM.it, curato dal Servizio Autonomo di Allergologia e Immunologia Clinica della Fondazione Maugeri e dal Centro della Rete nazionale R.I.M.A., con tutte le informazioni e le rilevazioni sui nemici pollini.

Foto: Spring And Pollen | Shutterstock

17 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento