Tra le offerte di prestito bancario per il fotovoltaico più interessanti probabilmente merita una certa attenzione anche quella partorita dal duo Enel.Sì e Poste Italiane. In pratica dove il fornitore energetico offre l’installazione di un kit fotovoltaico completo, le Poste offrono il finanziamento denominato: Prestito BancoPosta Fotovoltaico.

Come spiegato sul sito dell’Enel:

L’impianto fotovoltaico ha una potenza installata di oltre 2,5 kW, sufficiente a produrre circa 3mila kWh all’anno, in grado di soddisfare i consumi medi annuali di una famiglia. I moduli fotovoltaici sono in silicio cristallino Sharp e l’inverter Power One è garantito 5 anni e ha un display a colori touchscreen da 3,5 pollici.

Inoltre, Enel.Sì si occuperà anche della risoluzione di tutte le “grane” burocratiche, a partire dalle comunicazioni con il GSE. Dal punto di vista finanziario, l’offerta non si discosta parecchio da quella degli altri istituti bancari che abbiamo visionato in questi giorni:

Il finanziamento a favore dell’ambiente realizzato da Poste Italiane, in collaborazione con Deutsche Bank S.p.A., consente di sostenere l’intero valore dell’impianto fotovoltaico proposto da Enel.si a condizioni convenienti e con un piano di rimborso in 120 rate fisse. Il tasso di interesse applicato non prevede nessuna spesa per l’istruttoria, per l’incasso rate e per l’invio delle comunicazioni periodiche.

Insomma un prodotto finanziariamente valido, da confrontare attentamente con quelli offerti delle altre banche.

9 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Claudio, martedì 4 giugno 2013 alle11:18 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere la spesa per un preventivo di € 10500,00. Grazie Claudio

Guido Grassadonio, martedì 12 luglio 2011 alle11:10 ha scritto: rispondi »

In generale tutti i prestiti coprono sempre buona parte della spesa. Il tetto massimo in percentuale difficilmente va sotto il 90%. Tieni conto che un'installazione domestica, come questa di cui stiamo parlando, costa meno di 15 mila euro. Per la famiglia intenzionata ad un impianto familiare "normale", la discriminante più che la quantità dell'investimento, è il tasso d'interesse ed il tempo in cui restituire questi soldi.

Dalila5, lunedì 11 luglio 2011 alle11:50 ha scritto: rispondi »

e qual è l'ammontare del prestito ? Manca la parte più importante dell'informazione.

Lascia un commento