Abitare vicino a strade molto trafficate aumenta il rischio di ipertensione. Il traffico intenso si rivelerebbe un nemico, soprattutto delle donne, per quanto riguarda la pressione alta. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Brown University School of Public Health.

Coinvolte nello studio circa 5.400 donne nel periodo post-menopausa residenti nell’area di San Diego e facenti parte di una precedente analisi, la Women’s Health Initiative. Stando ai risultati ottenuti coloro che vivono entro 100 metri da una strada soggetta a traffico intenso avrebbero il 22% di rischio in più di sviluppare ipertensione rispetto alle abitanti che risiedono ad almeno un chilometro. Un pericolo che aumenterebbe con l’avvicinarsi al tratto stradale trafficato.

Lo studio non rappresenta tuttavia secondo l’autore principale dello studio, il Prof. Gregory Wellenius, la definizione di un rapporto causale tra la vicinanza alle strada molto trafficate e la pressione alta, seppure precedenti studi identifichino nello smog e nell’inquinamento acustico delle possibili cause.

Un messaggio però emergerebbe con chiarezza dai risultati ottenuti, come spiega il Prof. Wellenius, epidemiologo presso la Brown University School of Public Health:

Il messaggio per la salute pubblica è che abbiamo bisogno di prendere in considerazione la salute della popolazione quando si pianificano i quartieri, quando si pianificano i sistemi di trasporto, quando si decide dove nuove superstrade devono essere costruite e come potrebbe riuscire a mitigare il traffico o i suoi effetti.

2 ottobre 2014
Fonte:
Lascia un commento