Non è di certo un segreto: la buona salute passa anche per l’alimentazione. Frutta, verdura, cibi sani possono aiutare il corpo a combattere le aggressioni esterne e aiutare l’organismo nella guarigione, riducendo i tempi di convalescenza. Sarà forse per questo, allora, che in quel di New York si è avviato un programma di “prescrizioni vegetariane” per aiutare alcuni pazienti.

>>Scopri il rapporto tra obesità infantile e cibi spazzatura

Si chiama Fruit And Vegetable Prescription Program e prevede, presso alcuni ospedali locali come il Lincoln Medical Center e l’Harlem Hospital Center, l’introduzione di una dieta vegetariana o vegana per favorire la salute dei pazienti, ridurre i fenomeni di obesità e tutte le patologie connesse alla cattiva alimentazione.

Il programma, organizzato dalle associazioni no profit Wholesome Wave e GrowNYC, coinvolge i pazienti in modo attivo. A ogni giorno di permanenza nel programma di dieta salutare, al partecipante verrà consegnato un Health Buck, un buono dal valore di un dollaro. Ogni mese i pazienti si dovranno sottoporre a verifiche con il medico di base per capire se stiano seguendo alla lettera i consigli a loro forniti e, allo stesso tempo, verranno organizzati degli incontri di counseling con dei nutrizionisti. A fine mese, i partecipanti possono utilizzare i buoni ricevuti per comprare frutta e verdura fresche dai rivenditori che partecipano all’iniziativa.

Il progetto parrebbe già aver portato a risultati promettenti, con diversi pazienti obesi in grado di perdere grandi quantità di grasso in eccesso, ridurre gli effetti del diabete e allontanare il rischio di patologie cardiovascolari. Così spiega la madre di un iscritto.

Mio figlio ha perso 18 chili grazie al programma e anche io ho perso dei chili insieme a lui. Ho altri quattro figli che seguono lo stesso programma.

Non solo salute, ma anche una mano per agricoltori e ortofrutta in difficoltà. L’affiliazione con questo sistema di sponsorizzazione dell’alimentazione salutare, infatti, ha fatto crescere di 8 volte il tasso di ritorno verso i produttori convenzionati, con un aumento del 53% delle presenze e una conseguente crescita delle vendite.

27 luglio 2013
Fonte:
Lascia un commento