Anche se con notevole ritardo rispetto al solito, pare che la primavera sia ormai alle porte. Le giornate si fanno più lunghe, le temperature più miti e la natura sboccia di mille colori. Ma come preparare il cane a questa nuova stagione in arrivo?

>>Scopri come rendere sicuro il giardino per il cane

La redazione di PetSide ha voluto stilare una lista di consigli per rendere il passaggio dal freddo dell’inverno al caldo della primavera praticamente indolore per Fido. Dalle scelte veterinarie all’alimentazione, ecco qualche proposta:

>>Scopri i pericoli di un cane sempre in giardino

  • Veterinario: primavera, tempo di esami di routine. È bene portare il cane a un controllo completo a ogni cambio di stagione, per evidenziarne qualche sofferenza sopita. Utili saranno esami del sangue e altre indagini diagnostiche, se necessarie;
  • Toelettatura: le temperature più miti potrebbero richiedere di accorciare il pelo di Fido, soprattutto qualora l’animale fosse coperto di lunghe e morbide ciocche. Meglio non esagerare in lunghezza, però, affinché il cane non sia scoperto durante un improvviso acquazzone o una giornata più fredda;
  • Pulci e zecche: primavera significa anche rinascita della natura, insetti e parassiti compresi. Proprio in questo periodo è bene iniziare un trattamento preventivo per pulci e zecche, con cui il cane si può infettare giocando nell’erba o correndo nei boschi;
  • Giardino: con il bel tempo Fido passerà gran parte della sua giornata in giardino. Per questo è bene verificare le condizioni del cortile, per assicurarsi non vi siano danni nelle recinzioni o elementi potenzialmente dannosi, come chiodi o cavi scoperti;
  • Pulizia: attenzione alla proverbiali pulizie di primavera, soprattutto nella scelta dei detergenti. Oltre a essere spesso tossici, il cane vi può accidentalmente entrare in contatto approfittando di secchi dimenticati sul pavimento, stracci non opportunamente strizzati e molto altro ancora. Il rischio maggiore è quello dell’ingestione e dell’avvelenamento;
  • Allergie: anche il cane può soffrire delle stesse allergie al polline dell’uomo. Tosse, raffreddore, occhi lacrimanti: i sintomi sono identici. Dopo aver consultato un veterinario, è bene spostare le passeggiate al parco alla mattina presto o a tarda sera, quando il numero di pollini nell’aria è minore;
  • Movimento e alimentazione: dopo un inverno passato in casa, il cane scalpiterà festoso per correre e giocare all’aria aperta. L’animale ha quindi bisogno di più energia: su consiglio del veterinario, si integri la dieta con quantità maggiori di carboidrati e proteine;
  • Pelo: tutti gli animali domestici in primavera perdono il pelo. Per ridurne i fastidiosi effetti, è bene spazzolare l’animale quotidianamente, fare bagni frequenti e integrare nella dieta gli Omgea 3 e 6, che rendono il manto più forte e lucido;
  • Accessori: la primavera è un’ottima occasione per controllare gli accessori di Fido e cambiarli in caso d’usura. Collare, guinzaglio, ciotole, copertine, trasportini, giocattoli: via libera allo shopping.

Foto: Happy Cute English Bulldog | Shutterstock

11 aprile 2013
Fonte:
I vostri commenti
Gioia, martedì 1 aprile 2014 alle16:40 ha scritto: rispondi »

Primavera=Spot on à go-go! Io che ho un cane grande ne uso in quantità... prendo quello di Beaphar, protezione naturale, specifico per cani grandi: non ha agenti chimici perché è completamente naturale, e non costa neanche molto!

Lascia un commento