Poseidon Undersea Resort: l’albergo sottomarino

È stato terminato uno degli alberghi di lusso più curiosi, e costosi, della storia: il Poseidon Undersea Resort. La sua peculiarità? Quello di essere immerso sott’acqua per poter ammirare una splendida barriera corallina, la fauna del mare e la vita multicolore nascosta dagli abissi. Il tutto alla modica cifra di 30.000 dollari alla settimana.

Si trova immerso in uno splendido fondale delle isole Fiji, a circa 15 metri di profondità a ridosso della barriera corallina. Il Poseidon Undersea Resort offre 24 suite dalle pareti vetrate, così da essere sempre avvolti dalle bellezze della vita sottomarina, e dispone di un’atmosfera pressurizzata in modo che la permanenza sia senza rischi. Un sistema di ascensori garantisce di raggiungere la superficie in qualsiasi momento, mentre chi volesse rimanere sott’acqua si può intrattenere con le mille attività previste dallo staff, da un massaggio rilassante in spa, alla buona cucina al ristorante o a un gustoso cocktail al bar. E chi proprio non volesse rinunciare al lavoro, vi è anche una conference room adibita a ogni tipo di business.

Non solo hotel, ma anche attività limitrofe connesse. Vi sono esplorazioni sottomarine per gli ospiti, con tanto di guida e strumenti da sub inclusi, vi sono corsi di scuba diving, visite guidate alle grotte sottomarine e anche piccole lezioni di biologia, per comprendere l’ecosistema che circonda un così singolare pernottamento. Ma, come si diceva, i prezzi non sono certamente concorrenziali: 30.000 dollari a settimana, per il più curioso degli hotel a 5 stelle.

Il progetto è partito nel 2008 e ci sono voluti ben 4 anni per completare la costruzione, oltre alla messa in sicurezza e ai test necessari per la pressurizzazione. A breve sarà aperto al pubblico, ma pare che la lista d’attesa sia già affollatissima e trovare una suite libera un miraggio. Portafoglio ovviamente permettendo. Infine, spazio per una nota in pieno stile green: le suite e le cabine pressurizzate non poggiano sul fondale, ma rimangono sopraelevate di circa un paio di metri. In questo modo, si è preservato l’ambiente sottomarino e non si sono creati disagi per la flora e la fauna.

2 dicembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento