Parte proprio oggi la seconda settimana nazionale Porta la Sporta, che si svolgerà dal 16 al 23 aprile. L’obiettivo principale dell’iniziativa è cercare di convincere gli italiani a evitare l’utilizzo dei normali sacchetti usa e getta e riuscire ad abituare tutti coloro che si recano a fare la spesa a un uso continuativo delle borse riutilizzabili.

Porta la Sporta 2011 si inserisce perfettamente nell’ambito dell’entrata in vigore del provvedimento che vieta la produzione, e quindi l’utilizzo, dei comuni sacchetti di plastica negli esercizi pubblici. A tal proposito, gli organizzatori hanno spiegato che il vero obiettivo non deve essere la produzione di articoli usa e getta con materiali meno inquinanti ma, soprattutto, modificare tutti quei comportamenti che provocano lo spreco di risorse.

Secondo i promotori:

È la borsa la scelta vincente sotto il profilo ambientale, economico e soprattutto perché veicola, allo stesso tempo, messaggi importanti propri di quella civiltà del riutilizzo che deve subentrare a quella attuale dedita allo spreco.

La campagna, promossa da diverse associazioni quali Comuni Virtuosi, WWF, Italia Nostra, Touring Club Italiano e Adiconsum, è già riuscita a coinvolgere più di 100 comuni italiani, 12 provincie (Bergamo, Brescia, Como, Ferrara, Forlì Cesena, Lecco, Livorno, Pesaro-Urbino, Olbia-Tempio, Rimini e Trento) e oltre 3500 punti vendita della grande distribuzione.

A tal proposito, la coordinatrice, Silvia Ricci, ha infine affermato:

Riteniamo che la partecipazione massiccia dei maggiori gruppi della Grande Distribuzione si rivelerà indispensabile e preziosa per raggiungere migliaia di cittadini che la campagna non avrebbe avuto modo di raggiungere nel momento più indicato. Tantissimi italiani dal 16 al 23 aprile, mentre faranno la spesa, su tutto il territorio nazionale, avranno modo di ascoltare lo spot audio dell’evento, di grande effetto, di notare i manifesti affissi, di usufruire di sconti sulla sporte riutilizzabili o ricevere notizia sulla campagna tramite newsletter e volantini promozionali. a uno spreco di risorse e di energia che creano quelle emergenze ambientali che il nostro pianeta non è più in grado di sostenere.

Il programma prevede numerose iniziative di sensibilizzazione quali l’organizzazione di punti informativi nelle piazze, nei mercati o all’interno dei negozi, l’affissione e distribuzione di volantini e di borse riutilizzabili e, soprattutto, varie attività di coinvolgimento delle scuole.

16 aprile 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento