Capita sempre più di frequente di vedere cani e gatti adagiati su carrellini, improvvisate sedie a rotelle per garantire indipendenza e autonomia ad animali purtroppo paralitici. E così in Brasile si è pensato di far lo stesso per un simpatico porcospino, purtroppo impossibilitato a muovere gli arti inferiori. È bastato davvero poco, solo un investimento di 5 dollari, per donare all’animaletto una nuova vita fatta di corse ed esplorazioni, una serenità da tempo perduta.

La vicenda accade allo zoo municipale Piracicaba di San Paolo, dove trova alloggio un simpatico porcospino rimasto paralizzato da metà schiena, arti inferiori compresi. Così gli addetti della struttura, dopo aver visto su YouTube un simile strumento costruito per un cagnolino, hanno deciso di costruire una sedia a rotelle improvvisata.

Armati di tubi idraulici in plastica, di fasce e di rotelle, con un investimento di poco meno di 5 dollari il rudimentale carrellino è stato realizzato. Capace di tener sollevata la parte inferiore del corpo dell’animale, lo strumento a due ruote ha immediatamente consentito al porcospino di muoversi in autonomia, per ricominciare ad esplorare l’ambiente che lo circonda. Il tutto a beneficio della sua salute: il simpatico esemplare è più vispo, sereno e decisamente affamato, date le lunghe scampagnate quotidiane.

Come il porcospino abbia perso l’uso degli arti inferiori non è dato sapere, tra le ipotesi un’accidentale caduta da un tetto o da un alto albero, dove a volte questi esemplari trovano rifugio. Ma anche lo spettro di un maltrattamento, così come la direttrice dello zoo Marianna Cury lascia intendere:

Sospettiamo che l’esemplare abbia ricevuto una bastonata sulla schiena, perché questa specie è abituata ad arrampicarsi sugli alberi e su altri luoghi elevati.

Ovviamente la sua nuova sedia a rotelle non permetterà al porcospino di godere ancora delle gioie dell’arrampicata, ma si tratta comunque di un enorme miglioramento rispetto alla prospettiva dell’infermità totale o, peggio, della necessità di soppressione.

8 luglio 2014
Fonte:
Lascia un commento