Un disastro improvviso quello che ha colpito Bento Rodrigues, in Brasile, una cittadina nella zona di Minas Gerais. Il cedimento di una diga ha causato una vera inondazione di fango che ha travolto la cittadina con i suoi 600 abitanti. Una catastrofe terribile che ha inciso sulla vita delle persone del luogo, circa 10 hanno perso la vita, mentre i dispersi sarebbero 28 e i feriti quaranta. Le immagini del fango che attanagliano la zona hanno fatto il giro del mondo, come quelle dei lavori dei soccorritori impegnati a trarre in salvo abitanti ma anche animali.

La foto di un pompiere che salva una cagnolina dalla morsa della melma ha commosso gli inermi spettatori della tragedia. La piccola viene sollevata e sfilata dal fango dentro il quale era completamente intrappolata. Un atto delicato, sentito, che fa trasparire tenerezza e dolcezza. La giovane cagnolina guarda il vigile del fuoco con riconoscenza, mentre si fa trasportare lontana dal pericolo. Ma non è l’unica ad aver subito l’impetuosità della diga, perché le immagini aeree della zona mostrano un villaggio quasi completamente spazzato via dalla furia degli eventi.

Molti animali rimasti senza proprietario, tanti bloccati nella fanghiglia, molte le famiglie senza casa costrette a piangere i dispersi e i morti. Secondo i dati emersi, la diga che avrebbe ceduto sarebbe di proprietà di una società mineraria, specializzata nell’estrazione di ferro. Il fango avrebbe contaminato le acque della zona e per questo motivo la distribuzione dell’acqua da bere sarebbe stata interrotta, ora al vaglio degli esperti. Le autorità hanno anche avvisato di gettare ciò che è stato intercettato dall’acqua, mentre i biologi temono che l’impatto ambientale possa avere ripercussioni in futuro sia sulla pesca che sulle attività agricole. La popolazione è stata dislocata in alberghi e strutture fuori città. Mentre la società che si occupa dell’estrazione, la Samarco, si sta occupando di pagare le loro sistemazioni momentanee. Ma vi è ancora molta incertezza per il futuro.

12 novembre 2015
Fonte:
Lascia un commento