Pompia: proprietà e come si mangia

Per Pompia – o in dialetto sardo “sa pompia” – si intende il nome comune assegnato al Citrus limon varietà pompia. Si tratta di un agrume, più nello specifico una varietà di limone autoctona della Sardegna. La pianta viene coltivata nell’area che appartiene ai comuni di Siniscola, Posada, Torpè, Orosei.

Nelle terre della Baronia in provincia di Nuoro, nella Sardegna centro-orientale, la presenza del frutto è storicamente documentata già a partire dal diciottesimo secolo. In un dizionario del 1850 circa, il paese di Siniscola viene citato come sede della coltivazione dell’agrume, del suo uso in pasticceria per la preparazione di canditi.

Pompia, caratteristiche del frutto

Le origini del frutto sono ancora poco chiare: la nomenclatura Citrus limon varietà pompia è stata assegnata solo poco più di due anni fa. Prima si era soliti indicare il frutto con il nome di Citrus mostruosa, nomenclatura mai accettata appieno in ambito accademico.

=> Scopri le proprietà nutrizionali del cedro

Molto probabilmente, la pompia è un ibrido naturale tra il cedro, il frutto del Citrus medica e il limone, il Citrus limon. Non mancano tuttavia delle incertezze anche in questo caso: ci sono ancora degli studiosi che ritengono la pompia frutto di un incrocio naturale tra il cedro e il pompelmo.

In ogni caso, si tratta di un frutto raro, la cui coltivazione – comunque cresciuta negli ultimi anni – è limitata alla Sardegna e ai comuni citati. Già una trentina di anni fa un progetto del comune di Siniscola ne aveva ampliato le coltivazioni e promosso alcune iniziative per il recupero. Nel 2004, nello stesso comune è nato il Presidio Slow Food de “sa pompia”, con lo scopo di promuovere e preservare questo esempio di biodiversità. Oggi la pompia è presente nelle diverse iniziative promosse da slow food e dedicate alla promozione del cibo e dei prodotti enogastronomici di qualità. Vediamo quali sono le proprietà di questo frutto e come si mangia.

Pompia: le proprietà

Oil

Diversi studi, per ora ancora in fase preliminare, hanno cercato di individuare le possibili proprietà terapeutiche e l’eventuale rilevanza dal punto di vista farmacologico di questo agrume. In particolare, le ricerche si sono concentrate sulla definizione delle proprietà dell’olio essenziale ricavato dalla scorza. L’olio essenziale ottenuto ha mostrato, in vitro, di avere interessanti proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, antivirali e antimicotiche. Inoltre, sempre con test in vitro, è stata osservata una certa attività antinfiammatoria sulle cellule della mucosa vaginale, della mucosa nasale e della mucosa intestinale, anche in caso di infezione batterica o micotica. Questo potrebbe aprire il campo a interessanti applicazioni, certamente dopo ulteriori studi, anche clinici, a conferma dei risultati. Potrebbe in futuro essere utile per realizzare rimedi fitoterapici per dare sollievo dai sintomi di alcune infiammazioni.

Come si mangia la Pompia

Jam

Il frutto della pompa matura tra dicembre e febbraio: gli esemplari raccolti vengono per la maggior parte destinato all’industria dolciaria, per la preparazione di canditi. In Sardegna è comune impiegare i frutti anche per la preparazione di un liquore. Il frutto è piacevole anche consumato fresco, da solo, o in aggiunta a macedonie miste di frutta.

=> Scopri la marmellata fatta in casa

Gradevole è anche la marmellata, che può essere poi impiegata per il consumo diretto oppure per realizzare dolci o biscotti di frolla. Interessante anche l’abbinamento con alcuni formaggi.

15 marzo 2018
Immagini:
I vostri commenti
Francesca Antonucci, martedì 8 maggio 2018 alle12:45 ha scritto: rispondi »

Ciao Rosanna, la trovi in loco, oppure in alcuni shop on line.

rosanna, venerdì 16 marzo 2018 alle7:52 ha scritto: rispondi »

dove si può acquistare?

Lascia un commento