Pomodoro nero: scoperto il motivo del colore particolare

Il pomodoro nero è una varietà molto particolare, che si caratterizza per essere ricca di antociani, delle sostanze che svolgono un’azione antiossidante. Questa varietà di pomodoro nero chiamato Sun Black è stata sviluppata grazie all’intervento di quattro Università, la Scuola Superiore Sant’Anna, l’Università della Tuscia, l’Università di Pisa, l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Di solito gli antociani non sono presenti nel pomodoro, ma abbondano in altri vegetali, come per esempio l’uva e i frutti di bosco. Il Sun Black è stato ottenuto incrociando due varietà di pomodoro. Il pomodoro nero può essere considerato come il risultato finale dell’incrocio dell’Anthocyanin Fruit e della varietà atroviolacea.

Fino ad ora però non si era capito a quale fattore fosse dovuta la particolare colorazione viola scuro. Adesso, attraverso uno studio specifico, i ricercatori del Plantlab dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna sono riusciti a capire quale gene determina la particolare pigmentazione del pomodoro nero.

=> Leggi di più sul pomodoro nero No OGM

È un gene che probabilmente risulta da un incrocio accidentale con una varietà di pomodoro selvatico. L’incrocio sarebbe avvenuto molti anni fa e quel tratto di DNA che ne è risultato determina la repressione della sintesi degli antociani. Proprio per questo nel pomodoro nero avviene la produzione di antociani, a differenza di quanto accade nelle altre varietà, in cui il repressore mantiene la sua attività.

A detta degli scienziati che hanno studiato questa varietà di pomodoro, la scoperta risulta particolarmente importante, perché permetterebbe una maggiore facilità nella selezione di nuove varietà di pomodoro Sun Black.

Basterebbe eseguire un test del DNA per verificare un incrocio. Questo non era possibile fino a quando non si era giunti alla conoscenza della sequenza del DNA del frutto, perché ogni volta si doveva attendere la produzione fruttifera per verificare la presenza o l’assenza delle sostanze antiossidanti.

6 giugno 2018
Lascia un commento