Pomodori e mele rimedi naturali per i polmoni degli ex fumatori

Pomodori e mele un possibile rimedio per i polmoni degli ex fumatori. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, secondo i quali alcuni composti presenti nei due cibi possono aiutare chi si trova a combattere con bronchite acute o enfisema polmonare derivanti dai danni accumulati in anni di ricorso al tabacco.

Sarebbero sufficienti tre mele o due pomodori al giorno per aiutare i polmoni degli ex fumatori ad accelerare la guarigione dai danni accumulati. Stando a quanto affermato dai ricercatori statunitensi i benefici si ripercuoterebbero sulle patologie che possono essere raccolte nella più generale definizione di disturbo polmonare ostruttivo cronico o COPD (Chronic Obstructive Pulmonary Disorder).

=> Scopri i benefici dei pistacchi per il cuore dei fumatori

Lo studio sul rapporto tra dieta e funzioni polmonari ha visto i ricercatori monitorare i comportamenti e i profili clinici di oltre 650 adulti. La pubblicazione ufficiale dei risultati è avvenuta sullo European Respiratory Journal. I test hanno esaminato la capacità polmonare di far entrare ossigeno nel corpo e di espellerlo, registrando i dati a inizio ricerca e una volta trascorsi 10 anni.

=> Scopri i benefici anti-mortalità di frutta e verdura per i fumatori

I benefici della dieta per i polmoni si sono rivelati evidenti per tutti, seppure negli ex fumatori si sia registrato un rapporto ancora più stretto tra alimentazione sana e migliori condizioni polmonari. Come ha affermato la Dott.ssa Vanessa Garcia-Larsen, autrice principale della ricerca:

Questo studio mostra che la dieta può aiutare a riparare il danno polmonare nelle persone che hanno smesso di fumare. Suggerisce inoltre che una dieta ricca di frutta può rallentare il naturale processo di invecchiamento dei polmoni anche se non si ha mai fumato.

I risultati supportano la necessità di raccomandazioni per quanto riguarda la dieta, specialmente per le persone soggette a rischio di sviluppare patologie respiratorie come la COPD.

22 dicembre 2017
Lascia un commento