Polmonite: sintomi, cause e cure

La polmonite è una malattia infiammatoria acuta, scatenata da un’infezione che colpisce i polmoni. La diagnosi può essere confermata solo dal medico, a cui il paziente deve rivolgersi per la corretta valutazione dei sintomi. Il quadro clinico, così come la gravità della malattia, varia a seconda dell’infezione primaria, che può essere sostenuta da batteri, virus, funghi o altri microorganismi. Inoltre, sul quadro e la manifestazione fa la differenza anche il luogo in cui è stata contratta l’infezione – ambiente extraospedaliero, ospedale o clinica – e le condizioni di salute generale del paziente.

La polmonite è una malattia piuttosto diffusa: i dati epidemiologici dimostrano che, con le altre infezioni polmonari, è la sesta causa di morte nel mondo. Nei Paesi in via di sviluppo, e nelle forme contratte in ospedale dai pazienti immunocompromessi, si contano la maggior parte dei casi più gravi con esito negativo.

L’esito della malattia, ossia la prognosi, è simile nei pazienti che – a parità di stato di salute iniziale – hanno contratto la malattia nello stesso luogo. Si parla pertanto di polmoniti:

  • non nosocomiali, cioè contratte al di fuori dell’ospedale;
  • nosocomiali, ossia prese in ospedale o in clinica.

=> Scopri sintomi e rimedi della bronchite


Si distinguono altre due forme : quella che colpisce i pazienti immunocompromessi, e la polmonite ab ingestis, che si verifica quando molte secrezioni delle vie aeree superiori o gastriche entrano nei polmoni.

Vediamo quali sono le cause, i sintomi e la terapia della polmonite che si contrae al di fuori dell’ospedale o degli altri ambienti di cura.

Polmonite non nosocomiale

Le polmoniti che si verificano in pazienti che hanno pochi o nulli contatti con l’ambiente medico-ospedaliero sono causate da batteri, o virus o funghi. Il patogeno, in genere, varia in base all’età del paziente: in meno del 50% dei casi, però, viene individuato il microrganismo specifico.

=> Scopri le differenze tra virus e batteri


Tra le cause batteriche più frequenti di polmonite, vi sono le infezioni da Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Chlamydia pneumoniae e Mycoplasma pneumoniae. A questi si aggiungono numerosi virus.

Nei bambini di età inferiore ai 5 anni, il più delle volte la polmonite è causata da virus, ma anche da S. pneumoniae, S. aureus e S. pyogenes. Mentre nei bambini di età superiore ai 5 anni sono comuni le polmoniti da S. pneumoniae, M. pneumoniae o Chlamydia pneumoniae.

Sintomi

La polmonite si manifesta con:

  • malessere generale;
  • brividi associati a febbre;
  • rigidità e dolore toracico, in genere localizzato nell’area infetta;
  • tosse e dispnea.

=> Scopri la differenza tra tosse grassa e secca


La tosse si manifesta diversamente a seconda dell’età del paziente: grassa e produttiva nei bambini e negli adulti, secca nei neonati e negli anziani. In questi ultimi è anche frequente uno stato di confusione e agitazione.

Diangosi

Tutti i sintomi devono essere valutati dal medico che, a seguito dell’anamnesi e dell’esame obiettivo, potrà prescrivere una RX torace. In alcuni casi la radiografia non è sufficiente a rivelare l’infiltrato nei polmoni, pertanto il medico potrebbe prescrivere una successiva TAC o, eventualmente, far ripetere la RX torace dopo 24 o 48 ore.

L’identificazione degli agenti patogeni può essere ottenuta con alcuni esami di laboratorio come:

  • test sull’escreato;
  • test urinario, per rivelare le infezioni da Legionella o del pneumococco;
  • test specifico dell antigene pneumococcico raccomandato nei malati più gravi.

La malattia ha di solito esito positivo, ma la gravità deve sempre essere valutata in considerazione della salute generale del paziente e della sua età.

Terapia

Il trattamento farmacologico della polmonite è di esclusiva competenza del medico e di solito comprende la prescrizione di un antibiotico. In ogni caso, la terapia con i farmaci è indispensabile e il trattamento deve essere iniziato quanto prima. In caso di polmonite, è utile anche la terapia di supporto che comprende idratazione con acqua, succhi e frutta fresca, farmaci antipiretici per controllare la febbre e analgesici per il dolore e il malessere.

4 dicembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento