Smog e polveri sottili continuano in Italia ad essere uno dei problemi principali per la sostenibilità ambientale delle città. Sotto accusa è soprattutto il traffico generato dal settore dei trasporti, che inquina l’aria con PM10 e altre sostanze simili per il 49% (di cui il 65% derivato dal trasporto stradale).

Traffico delle metropoli che tende a tradursi “naturalmente” in emissioni di gas serra, inquinamento acustico e atmosferico oltre che ovviamente in eccessi di consumo energetico. Come sottolineato dal Ministero dell’Ambiente:

Il traffico è un problema economico, in termini di consumo di risorse non reintegrabili è un problema ambientale, perché genera effetti negativi in termini di emissioni inquinanti con ripercussioni sulla salute del pianeta e della popolazione. È un problema sociale perché incide gravemente sulla qualità della vita e sulla sicurezza dei cittadini.

Lo stesso Ministero dell’Ambiente sottolinea poi come, in riferimento proprio alla Settimana Europea sulla Mobilità Sostenibile, anche i cittadini debbano essere chiamati a svolgere il loro compito:

Devono essere sensibilizzati e coinvolti attraverso proposte alternative volte a stimolare la consapevolezza di scelte più opportune nel muoversi in città diffondendo una vera e propria cultura della mobilità sostenibile per promuovere e sperimentare nuove modalità di trasporto con particolare attenzione ai contesti urbani.

Inquinamento delle città e polveri sottili al centro del dibattito relativo alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile. Al via domenica 16 settembre (chiusura sabato 22), l’appuntamento annuale promosso dalla Commissione Europea porrà la massima attenzione sulla necessità di razionalizzare in direzione “verde” i trasporti nei centri urbani, puntando in maniera decisa alla promozione del mezzo pubblico, delle biciclette o dello spostamento a piedi.

Obiettivo della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile è la sensibilizzazione di amministratori locali e cittadini ad un uso più razionale dei mezzi di trasporto, scegliendo pratiche quotidiane di rispetto dell’ambiente e di emissioni di CO2 e di altri gas nocivi contenute. Intitolata per l’edizione 2012 “Muovendosi nella giusta direzione”, l’European Mobility Week contribuirà con dibattiti, appuntamenti aperti al pubblico, eventi e incontri sostenuti anche quest’anno dal Ministero dell’Ambiente.

Molta attenzione sarà posta sullo sviluppo dei PGUS (Piani di mobilità urbana sostenibile), istituiti nel 2009 e rilanciati dal Piano d’azione sulla mobilità urbana. Sul sito ufficiale della EMW sono presenti anche la Best Practice Guide e i resoconti degli studi condotti sulle città europee che hanno attuato particolari pratiche per risolvere il problema dell’inquinamento.

12 settembre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento