La piaga del bracconaggio non trova freno in Africa: ogni anno, sono sempre più gli elefanti e i rinoceronti uccisi dai cacciatori di frodo. Una pratica connessa alla vendita di zanne e corni sul mercato asiatico, dove questi resti vengono venduti a cifre ben più alte dell’oro, poiché richiesti per la medicina tradizionale o per la produzione di monili di lusso. A volte, tuttavia, accade che questi animali riescano a sfuggire ai loro aggressori, seppur riportando profonde vittime. È il caso di una femmina di rinoceronte bianco meridionale del Sudafrica, scampata alla morte ma completamente privata di parte della mascella. Per lei, un’equipe medica ha organizzato un intervento di plastica facciale, conclusosi nel migliore dei modi.

La cruenta aggressione è avvenuta lo scorso anno, nel maggio del 2015, quando la femmina di rinoceronte è stata circondata da un gruppo di bracconieri. Decisi a privarlo del prezioso corno, l’animale ha subito la perdita di gran parte della mascella, nonché dello stesso muso. Abbandonato al suo destino, il sofferente animale è stato abbandonato sul posto ma, grazie al pronto ritrovamento da parte di una squadra di veterinari, ha potuto scampare il decesso. Per questo motivo, la femmina di rinoceronte è stata chiamata “Hope”, ovvero speranza.

Lo scorso 3 maggio l’animale è stato sottoposto a un intervento di ricostruzione facciale, elaborato da un’equipe medica locale, sulla base di tecnologie già impiegate per la ricostruzione addominale negli umani. Alcuni speciali elastici sono stati fissati sulle ferite aperte, per favorire l’elasticità della pelle e consentire una cicatrizzazione più rapida. Così ha spiegato Genna Woodwow, manager di Southmedic, una società canadese che ha fornito la strumentazione per l’intervento:

Abbiamo fiducia nel modo in cui questo sistema funziona negli umani, speriamo che la stessa reazione si verifichi anche con la pelle del rinoceronte.

L’intervento pare abbia avuto gli effetti sperati, poiché la pelle vicino alle lacerazioni, così come i tessuti sottostanti, stanno lentamente rigenerandosi. Dal 2008 a oggi, ben 6.000 rinoceronti sono stati uccisi a causa del bracconaggio in Africa.

25 maggio 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento