La ricetta tradizionale della pizza richiede pochi ingredienti e una preparazione non eccessivamente complessa, tanto da poter essere realizzata a casa anche nelle cucine più comuni. La presenza di un agente lievitante è determinante per ottenere un impasto soffice e corposo, tuttavia non sempre è possibile utilizzare i comuni lieviti naturali – come quello madre o il lievito di birra – così come i lieviti chimici che si trovano in commercio.

=> Scopri i valori nutrizionali della pizza


Esistono alcuni tipi di intolleranze che rendono rischioso il consumo di alimenti preparati con il lievito, anche in assenza di allergie specifiche, dando origine a reazioni cutanee e altre manifestazioni che coinvolgono l’apparato respiratorio e gastrointestinale. In questi casi, ma anche semplicemente per preparare un’ottima pizza in casa quando non si ha a disposizione il classico lievito, è possibile ricorrere a numerose alternative utilizzando prodotti e sostanze solitamente presenti in cucina.

Alternative al lievito

Un perfetto sostituto del lievito in cucina è il semplice bicarbonato di sodio, da utilizzare preferibilmente accompagnato da un elemento acido per attivare la reazione chimica alla base della lievitazione: limone, aceto o yogurt. Un altro ingrediente con elevato potenziale lievitante è, ad esempio, la semplice birra.

La pizza senza lievito, preparata adoperando una di queste risorse alternative, è certamente più digeribile senza perdere gusto e croccantezza. Ecco alcune modalità di preparazione.

Bicarbonato con aceto o limone

Nella preparazione della pizza, il lievito può essere sostituito dal bicarbonato di sodio arricchito di succo di limone o aceto, solitamente in quantità equivalenti. Qui di seguito gli ingredienti per un impasto sufficiente a preparare dell’ottima pizza per quattro persone:

  • 250 grammi di farina (va bene la tipica 00 ma anche la farina di kamut, farro, manitoba);
  • 160 ml di acqua;
  • 3 cucchiai di olio d’oliva;
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio;
  • 1 cucchiaino di succo di limone o di aceto bianco;
  • sale.

L’impasto si prepara setacciando la farina in una ciotola e unendo il bicarbonato, il limone o l’aceto, l’acqua, l’olio e il sale. È necessario mescolare tutti gli ingredienti e, successivamente, impastare in modo abbastanza energico in modo tale da ottenere una pasta liscia, morbida ed elastica.

=> Scopri la pizza di farro


Il composto deve essere fatto riposare per almeno tre ore a temperatura ambiente coperto con pellicola trasparente, dopodiché può essere suddiviso e steso ottenendo una o più basi per la pizza dello spessore desiderato. A questo punto, è possibile farcire le pizze e infornare dopo aver portato il forno a una temperatura di 250 gradi, cuocendo per circa 15 minuti.

Birra

Un’altra valida alternativa al lievito da usare nell’impasto della pizza è rappresentata dalla birra, da aggiungere gradualmente alla farina miscelata con l’olio, l’acqua e il sale. Le dosi da utilizzare sono le seguenti:

  • 250 gr di farina a scelta;
  • 150 ml di birra;
  • 100 ml acqua
  • 2 cucchiati d’olio;
  • sale.

Anche in questo caso l’impasto deve essere lasciato riposare finché non avrà raddoppiato il suo volume. Le modalità di cottura sono le stesse della ricetta precedente, vale a dire in forno preriscaldato a 250 gradi per circa 15 minuti.

Yogurt

=> Scopri la pizza vegana


Lo yogurt bianco, in associazione con il bicarbonato di sodio, viene utilizzato soprattutto nella preparazione dei dolci senza lievito, tuttavia si presta bene anche per rendere gonfio e corposo l’impasto della pizza, che avrà una consistenza particolarmente leggera. Per 300 grammi di farina è possibile usare 250 grammi di yogurt e mezzo cucchiaino di bicarbonato.

Condimenti e consigli utili

La pizza senza lievito può essere condita e farcita nel modo che si preferisce, dalla variante più semplice alla più elaborata.

Fondamentale è sempre far riposare l’impasto per qualche ora, una procedura necessaria anche in assenza di lievito vero e proprio. Per stenderlo, infine, è preferibile evitare il matterello e adoperare solo le mani per manipolare delicatamente la pasta, incamerando più aria possibile.

27 febbraio 2017
Immagini:
Lascia un commento