Mangiare una pizza per un pasto davvero salutare. Una soluzione persino migliore di un’insalata secondo il nutrizionista britannico Michael Lean, esperto di obesità presso la Glasgow University. Se appositamente preparata la specialità italiana diventerebbe un’ottima soluzione per bilanciare la propria dieta, così da garantire l’apporto di tutti i 47 nutrienti necessari all’organismo.

>> Scopri come la dieta mediterranea aiuti a rinforzare la memoria

A confronto sono state poste le proprietà della speciale pizza congelata “Eat balanced meal” ideata dal professor Lean con varie tipologie di insalate in busta disponibili nei negozi. I risultati di questi “faccia a faccia” sono stati presentati dall’esperto durante lo European Congress on Obesity a Liverpool, che ha così presentato i dati raccolti:

Questo è il solo pasto pronto nutrizionalmente bilanciato esistente. Nessuno prima d’ora ha ideato un pasto che avesse tutto e nelle giuste proporzioni. Sono molto orgoglioso di questo.

>> Scopri le dieci regole per una colazione salutare

Il professor Lean ha spiegato inoltre la composizione della sua pizza pronta, sottolineando come ingrediente essenziale di questo piatto così salutare siano le alghe marine. Quest’ultime garantirebbero una sapidità tale da permettere di ridurre al minimo l’apporto di sale, fornendo inoltre ferro, zinco, vitamina B12 e iodio, mentre l’aggiunta nel sugo di una piccola dose di peperoni rossi garantirebbe la presenza di vitamina C. Il formaggio è semplice mozzarella, così da assicurare un complessivo contributo calorico di circa 600 calorie, un terzo del fabbisogno giornaliero di un individuo medio.

La pizza congelata di Lean è già in vendita già da alcuni mesi in Scozia e nelle prossime settimane verrà diffusa anche in Inghilterra e Galles al prezzo di 3,50 sterline (circa 4 euro). Tre le varianti proposte: “mozzarella e pomodoro”, “prosciutto e ananas” e “pollo piccante”.

Una proposta che lo stesso Lean ammette non possa sostituire anche nel gusto la tipica pizza, in particolar modo quella napoletana, ma che assicura avrà un sapore in grado di competere con tutte le altre pizze congelate già esistenti.

Il professor Lean ha infine affermato come il mangiare tre di queste pizze “Eat Balances Meal” potrebbe coprire l’intero fabbisogno giornaliero. Un’affermazione che ha visto però la replica della Dr. Maria Bryant, membro della UK Association for the Study of Obesity:

Sono favorevole a procedere nella direzione di un miglioramento di cibi già esistenti molto popolari, ma non sono sicura che mangiare due o tre pizze al giorno possa rivelarsi l’approccio migliore.

17 maggio 2013
Fonte:
I vostri commenti
Barbara, lunedì 20 maggio 2013 alle18:39 ha scritto: rispondi »

spero che anche in Italia qualcuno la proponga , sopratutto per quelle persone che non possono mangiare le pizze attuali . Salve

eva, venerdì 17 maggio 2013 alle20:10 ha scritto: rispondi »

Ma non sarà carente di vitamina? Secondo me è da abbinare a verdura.

Lascia un commento