L’immagine di un tenero pipistrello che indossa un calzino ha colpito la rete, tanto da ottenere un buon riscontro in fatto di visibilità. La foto del piccolo, soccorso e aiutato, ha incuriosito per la sua delicatezza. L’animale ha toccato gli utenti di Imgur, intenti a scoprire un anonimo benefattore. L’immagine mostra l’animaletto soccorso, con un’ala presumibilmente ferita: con molta probabilità, per impedire movimenti bruschi un anonimo benefattore ha deciso di fermare la parte lesa, facendogli indossare una fasciatura. Nulla di più efficace di un calzino, magari con l’effige più adatta: quella di BatMan.

Chi ha condiviso la foto non è certo l’autore, ma è chiaro che il piccolo ritratto abbia colpito nel segno. Il pipistrello sembra fissare con interesse il suo salvatore, apparendo simpaticamente protetto dal tessuto.

=> Scopri il pipistrello domestico


Ovviamente, come consigliano molte associazioni, è bene non improvvisarsi benefattori, mettendo a rischio la propria incolumità. Piuttosto, può risultare utile coinvolgere associazioni competenti, in grado di offrire le cure più adatte e consone al benessere dell’animale in difficoltà.

=> Scopri come liberare i capelli da un pipistrello


I pipistrelli, purtroppo, possiedono una nomea fastidiosa che ne rovina l’immagine. Da tempo affiancati alla figura di Dracula, sono considerati assassini sanguinari e succhia sangue. In realtà non vi è nulla di concreto: le leggende da tempo ne hanno deviato la figura e la storia. Eppure, questi delicati animaletti, che dormono a testa in giù, sono molto utili e importanti. Si cibano di insetti, zanzare e parassiti, liberandoci dalla loro fastidiosa presenza. Inoltre svolgono il ruolo di impollinatori, permettendo la crescita di piante, fiori e frutta. La loro esistenza è a rischio, l’ingerenza umana sta riducendo il loro habitat naturale e la loro serenità. Sono animali sociali che amano vivere in gruppo e, a dispetto delle apparenze, risultano molto altruisti tanto da condividere con il branco cibo e protezione.

The hero I need. To cuddle

4 aprile 2017
Lascia un commento