Pinguini monitorati con la tecnologia spaziale

La tecnologia viene in aiuto a quanti si occupano di natura e di animali, soprattutto quando è in grado di utilizzare metodi che sfruttano, nel rispetto dell’ambiente, le abitudini naturali degli animali stessi a loro specifico vantaggio. I pinguini imperatore sono una specie minacciata dall’estinzione e per questo gli scienziati del British Antarctic Survey riservano loro una particolare attenzione.

Essi si sono avvalsi di recente di un metodo di osservazione in grado di seguire gli spostamenti dei pinguini in Antartide attraverso la tecnologia spaziale. Poiché non è possibile individuare i pinguini direttamente sulle mappe satellitari, a causa della risoluzione non particolarmente efficace, gli scienziati si sono serviti delle macchie scure lasciate dai loro escrementi sul ghiaccio.

Durante la stagione riproduttiva, i pinguini soggiornano in una determinata regione sul ghiaccio per otto mesi, quindi è possibile vedere con chiarezza il ghiaccio che diventa abbastanza sporco.Il metodo, che si avvale dell’osservazione di fotografie, si è rivelato molto efficiente, infatti gli scienziati sono riusciti a monitorare 38 colonie di pinguini.

In questo modo, gli studiosi sono riusciti ad ottenere maggiori informazioni sui cambiamenti della popolazione animale che avvengono nel corso del tempo. Da questo punto di vista, la tecnologia spaziale si è dimostrata davvero utile.

5 giugno 2009
Lascia un commento