Il Metodo Pilates è un sistema di allenamento ormai ampiamente diffuso e apprezzato. Si tratta di un insieme di tecniche messo a punto nel primo Novecento da Joseph Hubertus Pilates, ginnasta e artista circense tedesco di origini greche, con l’obiettivo di fortificare il fisico migliorando al contempo la postura e accelerando l’eventuale processo di recupero da un infortunio.

=> Leggi quali sono gli esercizi Pilates specifici per gli addominali

Esistono differenti modalità di esercizio relative al Pilates. A partire dal Pilates Matwork, variante che prevede esercitazioni a corpo libero (studiate dallo stesso Pilates come “compiti a casa” per i suoi allievi) o con l’ausilio di piccoli attrezzi. Esistono poi diversi tipi di allenamento che fanno ricorso ai macchinari inventati dal ginnasta tedesco (Cadillac, Reformer, Wall Unit ecc.) come anche specifiche tecniche per il miglioramento della postura (il cosiddetto Postural Pilates).

Respirazione

La respirazione è un processo naturale, che chiunque compie diverse migliaia di volte ogni giorno. Questo semplice atto è di particolare importanza nel Pilates e contribuisce a raggiungere un risultato ottimale durante il proprio percorso di allenamento.

La fase di inspirazione prevede lo spostamento verso il basso del diaframma, così da permettere ai polmoni di espandersi al massimo delle proprie possibilità incamerando più aria al loro interno. Al momento di inspirare andrà utilizzato il naso, contrariamente a quanto accade durante il processo inverso.

L’espirazione viene effettuata facendo fuoriuscire l’aria contenuta nei polmoni attraverso la bocca. La spinta verso l’esterno deriverà dal semplice rilassamento della muscolatura intercostale e risulterà facilitata dal ritorno alla posizione abituale del diaframma.

=> Scopri le differenze tra Pilates e Yoga

Consigli utili

Il primo consiglio è quello di iniziare a praticare il Pilates con l’assistenza di insegnanti qualificati, soprattutto se si svolge di solito una vita sedentaria. L’approccio a questo metodo deve avvenire per gradi, evitando di sottoporre il proprio fisico a intensità troppo elevate o a movimenti che non è ancora in grado di compiere correttamente.

Opportuno accumulare una certa esperienza prima di allenarsi per proprio conto, ad esempio praticando a casa il Pilates Matwork, così da ridurre al minimo il rischio di infortuni.

Alcune particolari accortezze riguardano le donne in gravidanza. Meglio non esagerare negli sforzi durante i primi tre mesi, i più delicati da questo punto di vista, evitando di praticare Pilates se non si ha accumulato una certa esperienza nei mesi/anni precedenti. In ogni caso se ne consiglia la pratica seguendo corsi svolti da personale qualificato e rivolti appositamente alle future mamme.

21 dicembre 2016
Lascia un commento