Una delle regole d’oro in fatto di raccolta differenziata è sempre stata quella di non gettare piatti, bicchieri e posate usa e getta nel contenitore dei rifiuti in plastica. Regola cui, purtroppo, molte volte ci si dimentica, rendendo di fatto più complicata l’operazione di recupero e riciclo.

Da oggi, però, le cose dovrebbero cambiare: infatti, dal primo maggio, in Italia sarà possibile riciclare anche questi prodotti – fatto salvo che dovranno essere gettati svuotati e non troppo sporchi. Si tratta di un evoluzione importante del sistema riciclaggio italiano. Non solo ciò renderà più facile la ripartizione dei rifiuti, ma permetterà di intervenire anche sulle circa 140.000 tonnellate annue di questo genere di spazzatura prodotte in nel nostro Paese.

Il Delegato Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) all’Energia e ai Rifiuti, Filippo Bernocchi, commenta festoso l’avvenimento, aggiungendo però un appello a tutti gli italiani:

Quella dei piatti e bicchieri di plastica è un’importante novità, che va nella direzione di facilitare ai cittadini il conferimento dei materiali nella raccolta differenziata. Sono state così accolte le istanze di numerosissimi Comuni italiani. Da questa estensione, potrà derivare non solo un beneficio ambientale ma anche l’opportunità per i Comuni di veder potenzialmente aumentare in misura considerevole i corrispettivi ricevuti a fronte del materiale correttamente conferito. Ci appelliamo ai cittadini e alla loro collaborazione perché per dare successo a questo processo è necessario conferire piatti e bicchieri che non contengano residui di cibo e bevande.

E noi confidiamo che i nostri lettori saranno, in questo senso, dei cittadini modello.

30 aprile 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
bagu, lunedì 30 aprile 2012 alle18:15 ha scritto: rispondi »

ma in qualsiasi comune?

Lascia un commento