La fisionomia del cane Darla ha tratto in inganno gli agenti di polizia dell’inglese Lancashire: temendone l’appartenenza a una razza vietata, l’hanno strappata al focolare domestico. La proprietaria Jenny Armer ha sottolineato con forza l’evidente errore, specificando come la cagnolina fosse in realtà l’animale di supporto e amico del cuore della figlia Maddison. La bambina, di sette anni, è affetta da autismo e Darla è il suo cane di sostegno, in grado di avvisare la madre in caso di crisi. Il quadrupede è l’unico che riesca a tranquillizzare l’animo della piccola che, al momento della separazione dall’amica, si è chiusa in bagno spaventata.

La donna ha lanciato una petizione con raccolta firme per bloccare la procedura di separazione che, se non arginata, potrebbe anche portare alla soppressione del cane. Nonostante gli agenti sostengano come l’esemplare faccia parte del gruppo delle razze definite pericolose, in realtà Darla è un mix docilissimo di Shar-Pei e Staffordshire Bull Terrier. L’animale di soli tre anni e mezzo rischierebbe la vita e la proprietaria avrebbe solo due possibilità: firmare un documento per addormentarla oppure contrastare la decisione in tribunale.

La raccolta firme ha trovato il consenso di tutti i membri della comunità, per poi viaggiare in rete e raggiungere la cifra in crescita di più di 12.000 sostenitori. La donna è decisa a dare battaglia per il bene di Maddison che, dal momento della separazione, sta avendo molti problemi. Per affrontare le spese legali è stata aperta una raccolta fondi tramite Go Found Me, che potranno aiutare la famiglia nel caso dovessero approdare in tribunale. Darla per il momento è detenuta in un luogo segreto e nessuno può farle visita. E mentre si attendo sviluppi per il futuro del cane, la comunità si è stretta intorno a Maddison e alla sua famiglia, nella speranza arrivi presto un esito positivo.

2 agosto 2016
Fonte:
Lascia un commento