Cosa c’entri un sito porno con la difesa degli animali resta un mistero, ma alla PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), evidentemente non soddisfatti di attirare l’attenzione mettendo a nudo diverse celebrità femminili tra cui Elisabetta Canalis, hanno pensato che servisse andare ancora più a fondo, di essere più “espliciti” se così si può dire, tanto da arrivare a programmare l’avvio di un sito con dominio “.xxx” che dovrebbe partire entro fine anno.

Com’è ovvio, l’obiettivo dei responsabili dell’associazione è quello di attirare l’attenzione e siccome il sesso in Rete è sicuramente uno degli argomenti più cercati, ecco nascere l’idea di dedicare uno spazio alla pornografia affiancandola al nobile fine di difendere gli animali da ogni tipo di maltrattamento. La spiegazione sul perché di questa discutibile scelta arriva da Lindsay Rajt, uno dei direttori della PETA:

L’intento è quello di raggiungere un nuovo pubblico di persone, alcune delle quali saranno scioccate da immagini che forse non si aspettano di vedere in un sito tripla X.

Il sito pornografico della PETA presenterà un mix di contenuti per adulti accanto a spot in cui vengono mostrate sevizie e ogni altro tipo di abusi sugli animali, con il chiaro intento di sensibilizzare l’opinione pubblica, o meglio, quella parte dell’opinione pubblica che fruisce di questo tipo di contenuti, su una questione molto importante.

La novità ha però scatenato fin da subito delle polemiche, che si aggiungono a quelle divampate in passato sull’associazione proprio in relazione all’utilizzo della donna nelle proprie campagne, definito da molti come “sessista” soprattutto da parte del pubblico femminile.

Intanto, nonostante negli USA si dibatta sull’opportunità di utilizzare tali tipi di contenuti per dar visibilità alle questioni animaliste, il progetto ha visto l’adesione di alcune importanti star della pornografia, tra cui anche l’attrice Jenna Jameson, già in passato impegnata a sensibilizzare il pubblico verso il rispetto degli animali.

20 settembre 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento