Pesticidi falsi e illegali, sequestrate 360 tonnellate dall’Europol

Nell’ambito dell’operazione SILVER AX III condotta dall’Europol in ben 27 Paesi dell’Europa, l’Agenzia europea anti-crimine ha sequestrato una ingente quantità di pesticidi contraffatti e non conformi alle normative del Vecchio Continente: si parla di ben 360 tonnellate, una quantità tale da poter irrorare 48mila chilometri quadrati di campi agricoli, circa l’intera superficie del Regno Unito per fare un paragone.

I pesticidi rappresentano oggi uno dei prodotti più regolamentati al mondo e possono essere commercializzati e utilizzati nell’UE solo se i prodotti sono sicuri e autorizzati. Di recente l’Unione Europea aveva stimato che la quantità di pesticidi falsi e contraffatti attualmente disponibili sul mercato si aggira attorno al 14% del totale, un giro d’affari considerevole per le reti di criminalità organizzata, che hanno appunto deciso di intervenire anche in questo campo nonostante i rischi che queste sostanze hanno sulla salute delle persone, tra le altre cose.

=> Leggi perché i pesticidi possono portare al Parkinson

Proprio la mancanza di conoscenza su tali rischi e altri motivi che comprendono gli alti costi generali per gli agricoltori hanno fatto sì che vi sia un volume incredibile di fitosanitari illegali e pesticidi non conformi in giro in Europa. Come dichiarato Wil van Gemert, vicedirettore esecutivo dell’Europol:

Il volume record di sostanze pericolose sequestrate quest’anno è un passo importante per arrestare il flusso di prodotti potenzialmente letali nel mercato della Ue. La complessità e l’ampiezza di questa frode implicano che la cooperazione deve avvenire attraverso i vari paesi con un approccio multi-agenzia, lavorando insieme al settore privato.

=> Scopri quanti pesticidi ci sono nelle acque italiane

L’operazione dell’Europol che ha portato al maxi sequestro di tali sostanze illegali è stata condotta in Australia, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Francia, Finlandia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Malta, Moldova, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Repubblica slovacca, Slovenia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Ucraina, Paesi Bassi e Italia.

16 luglio 2018
Lascia un commento