Pesticidi: aumentano rischio obesità e diabete, ecco perché

Prove epidemiologiche suggeriscono un legame tra l’esposizione ai pesticidi e lo sviluppo di malattie metaboliche. Ora, secondo un nuovo studio, l’effetto cocktail dovuto all’assunzione inevitabile di queste sostanze sarebbe responsabile dell’aumento di peso e favorirebbe lo sviluppo del diabete.

Per valutare le conseguenze metaboliche dell’esposizione alimentare continua a una miscela di pesticidi assunti a dosi non tossiche è stato preso in esame il comportamento di un gruppo di topi per la durata di 52 settimane, ai quali sono stati sottoposti sei pesticidi in un quantitativo simile alla dose giornaliera tollerabile da una persona. Si tratta di boscalid, captan, chlorpyrifos, thiofanate, thiacloprid e ziram, comunemente usati ad esempio in Francia.

=> Scopri perché i pesticidi possono portare al morbo di Parkinson

Valutando durante l’esperimento parametri metabolici come ad esempio peso corporeo, consumo di cibo e di acqua e tolleranza al glucosio per imitare l’esposizione umana a questi prodotti, alla fine del test è stato scoperto che maschi e femmine hanno risposto diversamente.

=> Leggi come i pesticidi sarebbero presenti nelle acque italiane

Nello specifico, nei maschi è stato riscontrato un aumento di peso, sviluppo del diabete e il fegato ha iniziato ad accumulare grasso, mentre l’organismo delle femmine ha dimostrato una capacità di adattamento maggiore, anche se gli effetti dovuti al cocktail di pesticidi assunto nel tempo ci sarebbero comunque.

3 luglio 2018
Lascia un commento