Il glifosato, l’erbicida totale brevetto della Monsanto fino al 2001, è cancerogeno oppure no? La IARC (International Agency for Reserch on Cancer) in marzo si era espressa dichiarandone la cancerogenicità. Di diverso avviso l’EFSA (European Food Safety Authority), che giovedì 12 novembre ha diffuso un rapporto secondo il quale risulterebbero “improbabili” gli effetti cancerogeni sull’uomo di questo composto.

Chi ha ragione allora? Le associazioni nazionali ambientaliste e dell’agricoltura biologica hanno fatto tavolo: 31 realtà chiedono che sia fatta chiarezza prima di decidere se il glifosato deve restare nell’elenco UE delle sostanze attive approvate. Due pareri apparentemente autorevoli, ma così divergenti da suscitare qualche dubbio in merito.

Le associazioni coinvolte sono AIAB, Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, FAI, Federbio, FIRAB, Italia Nostra, ISDE – Medici per l’ambiente, Legambiente, Lipu, Navdanya International, PAN Italia, Slowfood, Terra Nuova, Touring Club Italiano, Associazione Pro Natura, UpBio, WWF, AnaBio, MDC (Movimento difesa del Cittadino), Infanitalia, Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua, Asso-Consum, WWOOF Italia, NUPA, Il Test, UNA.API, Greenpeace, VAS, l’Associazione Culturale Pediatri (ACP) e il coordinamento Zero OGM.

Tutte hanno firmato la campagna “STOP Glifosato” su iniziativa di AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) e FIRAB (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica). Lo stesso tavolo già il 12 settembre aveva inviato una lettera al Governo italiano chiedendo la rimozione del prodotto da tutti i disciplinari di produzione che lo contengono e l’esclusione da qualsiasi premio nei PSR per le aziende che ne fanno uso. Maria Grazia Mammuccini, vice presidente di Navdanya International e portavoce del tavolo, commenta così:

Si mette in evidenza che la relazione dall’Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BfR) a supporto delle decisioni dell’EFSA non tiene in considerazione una vasta gamma di studi scientifici pubblicati da riviste internazionali indipendenti che sono stati invece valutati e considerati rilevanti dalla IARC; minimizza, inoltre, senza adeguata giustificazione, i risultati positivi di cancerogenicità sugli animali; infine, si basa in gran parte su studi mai pubblicati forniti dalle multinazionali che producono il glifosato. Un elemento quest’ultimo, molto preoccupante, e che dovrebbe di per sé spingere i governi a prendere le distanze dalla posizione dell’Agenzia.

Ecco dunque in cosa consisterebbe la differenza e la distanza tra le posizioni delle due autorità. Maria Grazia Mammuccini prosegue spiegando che servono strumenti “scientifici, seri, indipendenti e completi” per valutare quali siano i veri rischi che corre la popolazione laddove questa sostanza, contenuta in 750 prodotti per l’agricoltura tra i quali anche il “Roundup” prodotto dalla Monsanto, viene utilizzata.

La speranza delle associazioni è che venga applicato il principio di precauzione e che finché non si avranno risposte certe, almeno l’Italia vieti la commercializzazione di tutti i prodotti a base di glifosato.

16 novembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
WWF
Immagini:
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, giovedì 14 gennaio 2016 alle23:25 ha scritto: rispondi »

Mi permetto di portare un semplice esempio , se tutta la popolazione della pianura padana usasse la legna per cucinare e riscaldarsi , la stessa pianura diventerebbe una enorme camera a gas piena di diossina oltre a tutti gli altri già presenti inquinanti, vista anche la caratteristica scarsa ventilazione . Ma tornando al glifosato, sicuramente nocivo, come tutti gli altri pesticidi, viene usato in agricoltura per alimentare gli attuali miliardi di persone, tanto le multinazionali pensano che anche se muoiono di cancro milioni di persone i restanti miliardi sono più che sufficienti per mantenere ottimi guadagni.

mexsilvio, lunedì 16 novembre 2015 alle20:41 ha scritto: rispondi »

INCTRDIBILE : ...!! Il glifosato , non diventa cancerogeno , , sono bastati 60-70 anni per confermare che non e' cancerogeno ..?? la cenere di legna invece si ..?? anche se e' oltre un milione di anni che l'uomo vive accanto al fuoco di legna , e di carbone ...???? e dolenti o nolenti siamo arrivati sino ad oggi in oltre 7 miliardi di persone ..????

Lascia un commento