Pesci più piccoli a causa del cambiamento climatico

Pesci sempre più piccoli a causa del riscaldamento degli oceani. L’ultimo allarme sul cambiamento climatico giunge da uno studio appena pubblicato su Nature e condotto da scienziati canadesi e statunitensi. Secondo i ricercatori, a causa delle mutate condizioni climatiche dei mari, le dimensioni massime dei pesci potrebbero diminuire dal 14 al 25% entro il 2050.

I problemi riguarderebbero soprattutto le latitudini tropicali e intermedie, dove il calo di taglia potrebbe superare la media del 20%. Le stime si basano su modelli computerizzati realizzati dai ricercatori, mentre le cause del fenomeno andrebbero ricercate nella ridotta disponibilità di ossigeno nell’acqua di mare.

Spiega Daniel Pauly, uno degli autori della ricerca:

Per i pesci, ottenere dall’acqua la quantità di ossigeno necessaria per crescere è una sfida continua, che diventa più ardua via via che gli animali crescono di dimensioni. Il cambiamento climatico renderebbe ancora più difficile per gli esemplari più grandi trovare l’ossigeno necessario, per cui i pesci dovranno smettere di crescere prima.

Secondo gli studi effettuati, in particolare, circa la metà della diminuzione di peso sarebbe attribuibile a fattori fisiologici. Per il restante 50%, il calo ponderale dipenderebbe da cambiamenti nella distribuzione e nell’abbondanza delle specie marine esaminate.

5 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento