Nella 37esima settimana nel 2014, il RASFF, il Rapid Alert System for Food and Feed, istituito dall’Unione Euorpea per garantire elevati standard di sicurezza alimentare, ha segnalato 52 casi di allerta alimentare, di cui 10 ad opera del Ministero della Salute italiano.

Tra quelli più rilevanti, riguardanti l’Italia, si sottolinea la presenza di mercurio in 5 differenti lotti. Informativa di attenzione è stata data per un lotto di Pesce San Pietro (Zeus Faber L.) congelato, proveniente dalla Tunisia, per uno di tonno (Thunnus alalunga) proveniente dalla Spagna e per uno di Pesce Spada (Xiphias gladius) proveniente dalla Corea del Sud. Sono stati invece respinti alla frontiera, per lo stesso motivo, altri due lotti: uno di Dentice (Dentex dentex) dall’Egitto e uno tonno pinna gialla (Thunnus albacares) sempre dalla Spagna.

Un’altra informativa di attenzione riguarda del Gorgonzola italiano per pizza esportato in Francia, la quale ha segnalato la presenza di Listeria monocytogenes, un batterio che può contaminare diversi alimenti, responsabile della Listeriosi, una malattia che colpisce soprattutto neonati e anziani e che dà luogo a vari tipi di infezioni.

Nell’elenco del RASFF si legge anche la presenza di tossina di Shiga, del gruppo Escherichia coli, un esotossina che provoca il blocco della sintesi proteica, segnalata dall’Italia, in un lotto di carne di capriolo, proveniente dalla Germania, destinata ad ulteriori lavorazioni e che è stata sottoposta a sequestro.

Tre le segnalazioni, varie indicano migrazione di cromo, da cucchiai da cucina, pelapatate in acciaio, e di cromo e manganese da forbici da cucina. Tutti provenienti dalla Cina. Sempre dalla Cina è stato bloccato alla frontiera un lotto di estratto di riso rosso sul quale è stata rilevata irradiazione non autorizzata.

18 settembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento