Perdere peso è più facile se il partner segue una dieta, ecco perché

Perdere qualche chilo di troppo senza affrontare a tutti gli effetti una dieta. Questo è quanto affermano i ricercatori della University of Connecticut, secondo i quali vivere al fianco della propria lei o del proprio lui mentre affronta un regime alimentare volto al dimagrimento può portare benefici anche allo stato di forma personale.

Secondo gli esperti statunitensi si sarebbe più propensi a scegliere alimenti sani e a ridotto contenuti di grassi, oltre a prestare una maggiore attenzione a quello che è il proprio stato di forma. Per valutare le ripercussioni della dieta sulla “linea” del/della partner i ricercatori hanno analizzato per sei mesi 130 coppie, divise in due gruppi: uno con il partner a dieta assegnato a delle “slimming classes” e l’altro a cui sono state fornite delle istruzioni su come dimagrire.

=> Scopri i benefici di una dieta sana contro il diabete di tipo 2

In ciascuna coppia soltanto uno dei due aveva delle specifiche da rispettare per il dimagrimento, valutandone i progressi in termini di riduzione del peso. Secondo l’autrice principale dello studio, la prof.ssa Amy Gorin, gli effetti della dieta sul partner si sono evidenziati con un calo medio pari a 2 chili in sei mesi.

=> Scopri quale è considerata la dieta migliore del 2018

Inoltre la velocità di dimagrimento di lui o lei ha influenzato anche la perdita di peso di chi non era a dieta: più in fretta dimagriva chi voleva tornare in forma e più velocemente scendeva di peso anche il partner. Come ha spiegato la ricercatrice si tratterebbe in questo caso di un effetto “ondulatorio”:

Quando una persona cambia il proprio comportamento, le persone attorno a lei cambiano. Come modifichiamo le nostre abitudini nel mangiare e nel fare esercizio può influenzare gli altri in modo positivo o negativo. Dal lato positivo, mariti e mogli possono emulare il comportamento dei partner e aggregarsi al conteggio delle calorie, al misurare più spesso il proprio peso e nel mangiare meno cibi grassi.

1 febbraio 2018
Lascia un commento