Il nostro cane spesso è vittima del vomito, una condizione non anomala per quanto riguarda il suo percorso. Occasionalmente può capitare di osservare il nostro amico mentre rigetta e di solito i motivi sono tanti e quasi sempre non preoccupanti. Perché il vomito si presenta sempre come episodio sporadico, legato a fattori non particolarmente allarmanti. Ma se la sua frequenza diventa costante, è bene interpellare un veterinario o un esperto.

>>Guarda i dieci peggiori veleni per cani

Ma perché il cane rigetta? Solitamente la causa è data da un’ingestione veloce di cibo e acqua cioè segnali di una forte voracità. Non masticando ma ingoiando non concederà al suo stomaco di assimilare il cibo, rigettandolo nell’immediato. Anche una condizione di digiuno prolungato, magari dato da uno stato di trascuratezza, potrebbe far stare male l’animale. Lo stomaco non si troverebbe nelle condizioni di ricevere il cibo, che verrebbe assalito con voracità e poi vomitato.

L’erba può rientrare nelle cause del rigetto, solitamente il cane gli rivolge attenzione quando ha bisogno di ripulire lo stomaco. Magari vittima di un’ingestione o di uno stato di malessere. Ma i fattori possono essere molteplici e più gravi, come la gastroenterite acuta e la gastrite cronica due patologie che richiedono l’aiuto del veterinario. Ma anche uno stato di eccitazione e gioia, un’intolleranza alimentare, oppure del cibo avvelenato, delle sostanze tossiche, infine piante, fiori e l’ingestione di un corpo estraneo possono portare al rigurgito.

>>Scopri quali sono i cibi tossici

È bene valutare la serietà del problema osservando il risultato del rigetto. Se chiaro e senza presenza di materiale solido è riconducibile a un problema gastrico, ovvero il cane si alimenta poco e male. Quindi il suo stomaco produce succhi gastrici in eccesso, coca che è possibile contrastare fornendogli un po’ di pane secco tra un pasto e l’altro.

>>Vai alle malattie infettive dei cani

Se invece presenta sangue scuro, o comunque una colorazione più torbida, è importante chiamare il veterinario. Anche nel caso di forte odore di urina all’interno del liquido rigettato, segno di problemi renali, o di forte odore di feci ovvero segnale di occlusione intestinale. È bene interpellare il medico del nostro Fido nel caso vi fosse un sospetto di avvelenamento o di malattie parassitarie, perché la tempestività sarà fondamentale.

28 marzo 2013
Fonte:
Lascia un commento