Perché i gatti hanno i baffi: 5 curiosità

I baffi svolgono un compito importantissimo nella quotidianità del gatto, non solo per una mera questione estetica ma anche di pura sopravvivenza. Presenti sul muso come peli rigidi, quindi sopra gli occhi e sulle zampe, sono noti anche come vibrisse e rappresentano una parte importante nella vita di Fufi, come filtro con il mondo esterno. Risultano maggiormente più spessi rispetto ai peli classici dell’animale, sul muso sono presenti in numero di circa dodici baffi per lato e appaiono più lunghi rispetto a quelli degli occhi. A cosa servono, quale ruolo rivestono e perché sono così importanti?

Sistema nervoso

I baffi sono collegati al sistema nervoso del felino, i follicoli dove affondano le estremità interne contengono diverse terminazioni nervose. In questo modo il cervello riceve informazioni e input costanti, utili a offrire equilibrio, orientamento e valutare la distanza e la consistenza di un oggetto. Sono collegati ai muscoli del muso e, per questo, possono muoversi in base alla singola necessità.

=> Scopri cosa sono e a cosa servono le vibrisse


Misura

Gatti

La misura delle vibrisse poste sul muso è pari alla larghezza del corpo del felino, un dato importante che lo aiuta a definire lo spazio circostante e se è in grado di attraversarlo. In questo modo Fufi saprà se un foro, una porta, un’apertura sono accessibili per il suo corpo. Inoltre aiutano a valutare se il formato della ciotola è adeguato, se può inserirvi il muso senza sbattere le vibrisse sui bordi della stessa procurando stress.

Orientamento

Come anticipato i baffi offrono a Fufi la stabilità e la possibilità di orientarsi senza perdersi, infatti anche i gatti ciechi riescono a muoversi agevolmente proprio grazie alle vibrisse. Quelli posizionati sul retro delle zampe anteriori lo aiutano ad arrampicarsi e durante la caccia, captando la presenza delle prede per poi agire con prontezza.

=> Scopri come comunica il gatto


Umore

Gatti

Esprimono l’umore del gatto, proprio perché collegati ai muscoli del muso, quindi se appaiono dritti e tesi mostrano tensione e se sonoorientati in avanti rappresentano curiosità e attenzione verso la preda. Invece, se sono rivolti verso il muso, indicano agitazione e paura, ma se appaiono rilassati sottolineano un atteggiamento serafico e pacifico.

Pericoli

I baffi non si possono tagliare o strappare, traumatizzando il gatto, perché questo creerebbe un forte danno spingendolo verso il disorientamento e rendendolo meno stabile. Le vibrisse sono una priorità per il felino, che se ne occuperà personalmente senza bisogno di spuntatine. Cadono naturalmente e ricrescono in modo autonomo.

13 marzo 2018
I vostri commenti
Cesare, mercoledì 14 marzo 2018 alle21:07 ha scritto: rispondi »

NON SOLO AI GATTI, ANCHE A ME I BAFFI MI AIUTANO A ORIENTARMI E A SORRIDERE SOTTO AI BAFFI.

Lascia un commento