Una scorretta gestione del cane di famiglia, della sua cura e alimentazione oltre che della sua educazione, possono trasformarlo in un esemplare obeso e dal comportamento nervoso. Non sempre i proprietari sono in grado di comprendere ciò che può risultare utile da ciò che è davvero dannoso, quindi confondono languidi sguardi e tenere moine con fame e bisogno di cibo. Elargendo perciò prodotti alimentari non adatti al benessere dell’animale, preparati troppo grassi e ricchi di calorie solitamente destinati al consumo umano. Un comportamento che favorirebbe la formazione di patologie serie come diabete, artrite e problemi di cuore.

Non solo perché, secondo alcuni sondaggi, a questo si andrebbe sommando una mancata corretta educazione che favorirebbe comportamenti nervosi e aggressivi. L’associazione inglese PDSA punta il dito contro l’incapacità dei proprietari di comprendere le esigenze e i reali bisogni del cane d’affezione. Unita alla mancanza di movimento fisico che rende gli animali pigri, stressati, annoiati e incapaci di sfogare l’energia interiore se non con aggressività. Le percentuali stimate sono altissime come le cifre di riferimento, ad esempio quasi 2 milioni e mezzo di cani non esce a sgambare tutti i giorni e 1 milione vive in casa senza mai uscire per una passeggiata.

Secondo Elaine Pendlebury, veterinaria dell’associazione, la scelta di adottare o comprare un cane è spesso frutto di un capriccio. Animali in balia di persone incapaci di provvedere adeguatamente al loro benessere e questo, come anticipato, incide sulla salute e sul carattere dell’animale. Quasi settimanalmente in Inghilterra avvengono migliaia di incidenti domestici dove i quattrozampe assumono un ruolo aggressivo verso umani e simili. La mancanza di un’adeguata socializzazione messa in atto attraverso regole comportamentali e strumenti educativi ricade sul cane, che appare agitato, stressato e spesso morbosamente attaccato al padrone. A questo si aggiunge la cattiva abitudine di frequentare saltuariamente il veterinario, incentivando malattie e problematiche, oltre a garantire snack e premi alimentari sbagliati come ad esempio patatine, cibi grassi, dolci e alcolici.

16 dicembre 2014
Fonte:
Lascia un commento