Pepe di Sichuan: proprietà e benefici

È noto per il suo intenso sapore aromatico, meno piccante di altre soluzioni analoghe, nonché per l’ampio ricorso come spezia della cucina asiatica. Il pepe di Sichuan, una bacca tuttavia dalle caratteristiche ben diverse dal classico pepe, trova sempre più estimatori anche sui mercati italiani. Ma quali sono le sue proprietà e, soprattutto, i suoi benefici?

=> Scopri le ricette con il pepe di Cayenna


Prima di cominciare, è bene specificare come non sempre sia semplice trovare questo prodotto sui banchi della grande distribuzione dello Stivale, nonostante sia ampiamente noto in tutto il mondo. Qualora il supermercato non rappresentasse un’alternativa utile, il pepe di Sichuan viene di norma venduto in erboristeria, nei piccoli negozi di prodotti biologici o nei centri specializzati in cucina orientale. Di seguito, qualche informazione utile.

Pepe di Sichuan: cosa è?

Per pepe si Sichuan si intende la bacca prodotta dallo Zanthoxylum piperitum, un genere di piante appartenente alla famiglia delle Rutaceae, la stessa del limone. Nonostante in apparenza possa ricordare il pepe nero, si tratta in realtà di spezie assai differenti, senza nessuna diretta correlazione. La pianta si caratterizza per una media altezza, rami sottili e foglie lucide allungate, disposte simmetricamente a coppie. Il vegetale produce delle bacche, spesso riunite in piccoli grappoli, caratterizzate da un guscio di colore rossastro, contenenti all’interno dei semi lucidi di colore nero.

Conosciuto da moltissimi secoli in Asia, in particolare in Cina dove la pianta è originaria, questa spezia assume diverse denominazioni a seconda della nazione in cui viene coltivata. Proprio in Cina è spesso chiamato “huājiāo” o “shānjiāo”, ovvero pepe fiorito e pepe di montagna, mentre in Corea assume il nome di “chopinamu”, in Nepal di “timur”, in Tibet di “gyer ma” e in India di “tepal”, “tirphal” o “teppal”. In Occidente viene spesso identificato come fagara, anche se questa denominazione fa riferimento alla coltivazione dell’omonimo Zanthoxylum fagara, una varietà diffusa in Florida.

=> Scopri la storia del pepe in cucina


La spezia, come facile intuire, viene impiegata principalmente a scopo alimentare, come aromatizzante per molte ricette della cucina di tutta l’Asia, in particolare del sudest asiatico. Spesso identificato anche come falso pepe, presenta un gusto mediamente piccante, unito a toni che possono ricordare da vicino gli agrumi. Oggi viene commercializzato in tutto il mondo, tuttavia gli Stati Uniti ne vietarono l’importazione dal 1968 al 2005, per i rischi di contagio di una malattia vegetale per le piante di limone. Al seguito della rimozione del divieto, però, le parti che giungono nel territorio a stelle e strisce devono essere sottoposte a procedimenti di sterilizzazione.

Pepe di Sichuan: proprietà e benefici

Come già accennato, il pepe di Sichuan viene impiegato principalmente a scopo alimentare, come aromatizzante di varie ricette, sia solo che accompagnato in mix di spezie. Il suo profilo calorico è praticamente trascurabile poiché, di norma, si fa ricorso a pochissimi esemplari per ogni preparazione, tanto da non modificare minimamente l’apporto totale delle calorie della ricetta. Oltre alla cucina, il pepe di Sichuan viene anche scelto dalla medicina tradizionale come rimedio naturale per i piccoli disturbi legati ai denti: dalle bacche si ricava un estratto oleoso che, in modo non molto dissimile dal chiodo di garofano, sembra anestetizzare momentaneamente la parte affetta. Naturalmente, trattandosi di una soluzione solo sintomatica, inevitabile sarà il parere del dentista per tutte le questioni che coinvolgono la dentatura. Ancora, lo stesso estratto è impiegato dalle popolazioni cinesi a livello topico, per ridurre il prurito dovuto a punture d’insetto e affini.

=> Scopri le proprietà dei chiodi di garofano


Sono molte le proprietà benefiche che, nel corso dei secoli, sono state attribuite a questa bacca. Innanzitutto, può rappresentare un’alternativa valida per tutti coloro che, pur amando i sapori piccanti, trovano il gusto del classico pepe troppo intenso. Questa spezia orientale, abbinando al piccante un retrogusto più tipico degli agrumi, ne limita gli eccessi sul palato. Inoltre, così come già spiegato, può rappresentare una soluzione momentanea per ridurre il dolore ai denti, ad esempio in attesa di un appuntamento con lo specialista, mentre pare possa essere d’aiuto anche per la regolarità intestinale, dato un effetto blandamente anti-spasmo dovuto all’assunzione. Ovviamente, è sempre necessario confrontarsi con il medico prima di far ricorso a qualsiasi rimedio naturale. Infine, può spesso rappresentare un’ingrediente nella produzione di cosmetici biologici, poiché d’aiuto per lenire prurito e irritazioni cutanee, nonché come deterrente per alcuni dei più comuni insetti.

9 settembre 2017
Lascia un commento