Il pepe di Cayenna è stato utilizzato in varie società, in particolar modo nelle Americhe e in Cina, e da sempre è conosciuto per le sue varie virtù terapeutiche. Tuttora, questo ritrovato ha fama soprattutto per le sue caratteristiche disintossicanti e depurative ed è utilizzato nelle diete in cui si vuole stimolare la circolazione e neutralizzare l’acidità.

Tra i disturbi per cui viene utilizzato il pepe di Cayenna, si annoverano il bruciore di stomaco, i tremori, la gotta, la paralisi, la febbre, la dispepsia, la flatulenza, il mal di gola, le emorroidi, la menorragia nelle donne, la nausea, la tonsillite, la scarlattina e la difterite.

I benefici del pepe di Cayenna

Il pepe di Cayenna è usato perché:

  • È un antinfluenzale e contrasta il raffreddore: il pepe di Cayenna aiuta ad espellere il muco, e a decongestionare le mucose nasali.
  • Previene l’emicrania: questo è dovuto al contenuto in capsaicina, che allevia non solo il mal di testa ma anche altre forme di dolore;
  • Contrasta le allergie;
  • Aiuta la digestione: è infatti un ottimo digestivo, perché stimola l’apparato digerente aumentando il flusso di produzione di enzimi e succhi gastrici. Questo favorisce la capacità del corpo di metabolizzare il cibo. Il pepe di Cayenna è usato anche per alleviare la presenza di gas intestinali: stimola infatti la peristalsi, aiutando l’eliminazione di aria.
  • Aumenta la salivazione: il pepe di Cayenna stimola la produzione di saliva e questo risulta importante per un’eccellente digestione e per un’ottima salute orale;
  • È anticoagulante: il rimedio aiuta anche a ridurre l’arteriosclerosi, incoraggia l’attività fibrinolitica e previene i fattori che portano alla formazione di coaguli di sangue, andando dunque a ridurre le probabilità di ictus o attacco cardiaco;
  • È un detossinante: stimola la circolazione e i ritmi digestivi, riscalda il corpo e ottimizza il naturale processo di disintossicazione. Il pepe di Cayenna fa anche sudare e questo è importante per eliminare tossine;
  • Ha proprietà antibatteriche: è un ottimo conservante e viene usato per far sì che gli alimenti non vengano contaminati dai batteri;
  • È un possibile agente anticancro: studi condotti presso la Loma Linda University in California hanno scoperto che il pepe di Cayenna può aiutare a prevenire il cancro ai polmoni nei fumatori. Questo può essere collegato al contenuto in capsaicina, una sostanza che potrebbe aiutare a fermare la formazione di cellule neoplastiche a livello polmonare. Altri studi hanno riscontrato un effetto simile anche nei casi di tumore al fegato;
  • Aiuta la perdita di peso: gli studiosi dell’Università di Laval in Quebec hanno notato che i soggetti studiati che assumevano pepe di Cayenna durante la prima colazione avevano meno appetito durante la giornata, quindi mangiavano meno. Inoltre, il pepe di Cayenna è anche un acceleratore del metabolismo, agevolando il corpo a bruciare grassi;
  • colesterolo LDL e di trigliceridi nel corpo;
  • Agisce contro il mal di denti e i problemi alle gengive;
  • Può essere usato localmente: le pomate a base di pepe di Cayenna, infatti, sono utilizzate contro i morsi di serpenti, i reumatismi, le piaghe, le ferite e le lombalgie.

Effetti indesiderati

In realtà il pepe di Cayenna, soprattutto se assunto in grosse quantità, può avere anche effetti collaterali. La loro conoscenza è fondamentale per aumentare la consapevolezza, soprattutto qualora si tenda ad abusarne perché si gradiscono pietanze piccanti e molto condite. Fra i possibili, si elencano:

  • Irritazioni a livello di bocca e gola: può avvenire se il prodotto è usato in alta quantità. I casi più gravi registrano anche ulcerennella zona;
  • Complicanze a livello dello stomaco: l’ingestione di troppo pepe di Cayenna potrebbe portare anche a disturbi gastrointestinali, come ulcere allo stomaco e diarrea. Inoltre potrebbero verificarsi bruciori a livello intestinale e forti dolori addominali;
  • Allergie: sebbene combatta anche le allergie, vi sono soggetti allergici o ipersensibili allo stesso pepe di Cayenna;
  • Altri effetti indesiderati; sanguinamento, urine di colore scuro, diarrea.

Come in ogni somministrazione, dunque, è fondamentale sempre non eccedere con le dosi e chiedere il parere di un medico di fiducia o di un nutrizionista per personalizzarne al meglio l’assunzione.

29 maggio 2015
I vostri commenti
Attila, domenica 13 marzo 2016 alle2:50 ha scritto: rispondi »

Per il cuore, da esperienza personale è ottima la radice di zenzero da consumare ogni giorno (non in polvere, meglio la radice vera da acquistare nei negozi Bio) e come infuso il biancospino. Fanno davvero bene.

Giuseppe, domenica 6 settembre 2015 alle12:59 ha scritto: rispondi »

io soffro di pressione arteriosa, il pepe di cqyenna può alzare la pressione. per il problema e quella sistolica, purtroppo devo prendere la solita pasticchetta che vorrei eliminare ma non vedo rimedi. Un caro saluto.

Angelo, giovedì 27 agosto 2015 alle13:04 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere le dose per un uomo di 55 anni. grazie.

Lascia un commento