Amore e unione, ma anche abnegazione e solidarietà, quella tra Vittorino Biglia – 56 anni e vicepresidente dell’Unione Italiana Ciechi di Imperia – e il suo cane guida Penelope. L’animale, da cinque anni al suo fianco, è stato la sua guida e i suoi occhi all’interno del mondo. Ma ora l’esemplare di razza Labrador si sta avventurando verso un percorso differente che, come per il suo proprietario, è stato segnato da una retinopatia grave. Il quadrupede sta lentamente perdendo la vista, cosa che avrebbe potuto pregiudicare l’unione con il suo proprietario. Un cane guida impossibilitato a svolgere il suo compito, una condanna difficile. Ma Vittorino non ha voluto rimandare Penelope alla scuola di addestramento di Limbiate, da dove proviene, ma ha preferito affiancare a entrambi un nuovo compagno di viaggio: il simpatico Spritz.

Il nuovo supporto dal manto nero, sempre di razza Labrador, proviene dalla stessa scuola di addestramento, sarà lui a fare da guida per i due amici. Impossibile per l’uomo scegliere di separarsi da una compagna così importante, ma Penelope è parte integrante e fondamentale della sua famiglia. Come racconta lo stesso Vittorino:

Penelope, grazie al suo fiuto, segue sia Spritz che me. Ogni tanto le faccio indossare la pettorina così si sente importante e viva. Spritz, appena arrivato a casa, si è accorto della sua malattia. Le lecca gli occhi e non la lascia un istante.

I due cani vivono anche con sua moglie e le sue figlie, come ha specificato l’uomo che svolge il ruolo di centralinista bancario. Non avrebbe mai potuto separarsi da Penelope, che ha deciso di adottare per ringraziarla del lavoro speciale svolto fino a ora. La cagnolina, che ha preso servizio presso casa Biglia grazie anche al supporto dei Lions di Collegno, non potrà più indossare la sua pettorina se non in occasioni sporadiche. E sempre con la presenza importante di Spritz che, tra poco, festeggerà il suo secondo compleanno. Il cucciolone, consapevole del suo doppio ruolo, è molto attento e premuroso verso entrambi.

11 aprile 2016
Lascia un commento