Tra i piccoli problemi estetici dell’universo femminile, la peluria del viso è certamente uno dei più diffusi. Per quanto si tratti, almeno nella maggioranza dei casi, di una manifestazione del tutto innocua, molte donne potrebbero sentirsi a disagio nel notare l’apparizione di peli in zone non gradite, quali sopra il labbro superiore o sul mento. In genere, considerato come nella maggior parte dei casi si tratti di una peluria dal ridotto impatto visivo, l’inestetismo può essere semplicemente risolto tramite la cosmesi, sia con prodotti schiarenti che con un adeguato trucco. In altri casi, invece, può rendersi necessaria l’eliminazione, ad esempio con la ceretta. Ma quali sono i consigli da tenere in considerazione e, ancora, quali rimedi naturali potrebbero tornare utili?

Prima di cominciare, è bene sottolineare come l’apparizione di peluria sul viso possa derivare da diverse cause, dalla predisposizione genetica fino ad alterazioni ormonali. Per questo, prima di intraprendere un percorso estetico, è necessario vagliare il parere del medico e, se consigliato, di un endocrinologo o di qualsiasi altro specialista dovesse risultare idoneo al proprio caso.

Peluria sul viso femminile: perché?

L’apparizione di peluria sul viso della donna può avere differenti origini e, per buona parte delle manifestazioni, si tratta di un processo del tutto naturale. Nonostante questo, l’inestetismo può risultare comunque particolarmente fastidioso, anche a livello psicologico, poiché lontano dai canoni di bellezza – spesso irrealistici e stereotipati – che vorrebbero il genere femminile come completamente glabro.

=> Scopri la depilazione naturale


L’apparizione dei peli sul volto è, come facile intuire, stabilita innanzitutto a livello ereditario: il numero di follicoli distribuiti sul corpo, così come la loro capacità di sviluppare non solo vello ma anche peli maturi, è determinata geneticamente. In ogni caso, qualora vi fosse una manifestazione eccessiva di peluria, utile sarà distinguere tra l’ipertricosi e l’irsutismo: la prima si caratterizza per la crescita abbondante in zone dove normalmente le donne presentano peli, il secondo quando la presenza è evidente anche in aree dove il genere femminile ne è di solito privo.

Oltre alle cause genetiche, la prima ragione di una crescita eccessiva di peluria potrebbe manifestarsi a livello ormonale: i peli si sviluppano grazie all’interazione con gli ormoni maschili, quali il testosterone, normalmente prodotti in piccole quantità anche dalle donne. Una variazione dei loro livelli, di conseguenza, può avere un effetto stimolante. Allo stesso modo, anche la sindrome dell’ovaio policistico può rendere più evidente la peluria sul corpo, così come gli sbalzi ormonali dovuti alla menopausa, eventuali disturbi della tiroide nonché l’assunzione di alcuni farmaci. Appare evidente, di conseguenza, come sia necessario vagliare il parere di un medico e di uno specialista che, a seguito di eventuali analisi, saprà stabilire con precisione la causa del proprio inestetismo.

Consigli e rimedi

Verificata l’origine del disturbo estetico, è quindi possibile pensare a interventi mirati, sia per ridurre l’evidenza della peluria che per rimuoverla, temporaneamente o definitivamente.

=> Scopri la ceretta araba


Sul fronte della rimozione temporanea, il metodo più diffuso ed efficace è certamente quello della ceretta: strappando completamente il pelo dal follico, ne ritarda infatti la ricrescita. Meno indicati, invece, sono i trattamenti di rimozione superficiale, quali il rasoio. Normalmente il pelo ha una forma affusolata: il rasoio, tuttavia, ne taglia l’estremità di netto, rendendolo perciò più evidente durante la ricrescita per un mero effetto ottico. Tra i metodi di eliminazione definitiva figurano, ad esempio, il laser o la luce pulsata, che devono essere eseguiti tramite apposite attrezzature da personale qualificato.

I rimedi naturali, nel mentre, tendono ad agire sul versante della visibilità della peluria, ad esempio con un effetto schiarente, affinché i peli siano più facilmente mimetizzabili con la tonalità della propria carnagione o, ancora, con il trucco. Tra i metodi della nonna più diffusi, gli impacchi alla camomilla sono certamente i più famosi: alcuni flavonoidi contenuti in questo fiore, infatti, pare possano rendere più chiaro il colore del pelo, con applicazioni ripetute nel tempo. Altro aiuto potrebbe giungere dalla curcuma, una spezia che sembra abbia la capacità, se applicata a livello topico, di indebolire il pelo: di solito viene applicata dopo aver creato una soluzione morbida e cremosa a base d’acqua, verificandone però la compatibilità con la propria pelle con una piccola dose sul dorso della mano, così da controllare eventuali irritazioni o intolleranze. Infine, si può preparare una soluzione casalinga di miele e zucchero, molto simile alla ceretta araba, per una depilazione naturale e poco aggressiva per la pelle.

5 marzo 2017
Lascia un commento