La rasatura e la depilazione possono esporre la pelle, sia negli uomini che nelle donne, al fastidioso problema dei peli incarniti. Si tratta di una problematica che, per quanto non traumatica, risulta particolarmente diffusa nella popolazione: perché si formano i peli incarniti ed esistono dei rimedi naturali che possono essere d’aiuto nella loro eliminazione?

Il disturbo è dato dalla ricrescita dopo la rasatura o la depilazione: trovando un passaggio epidermico ostruito, quale un poro occluso, il pelo cresce al di sotto dello strato superficiale della pelle. Questo può portare alla formazione di brufoli ricchi di accumuli sebacei e, nei casi più gravi, di vere e proprie cisti. Di seguito, le motivazioni e alcuni consigli di rimozione.

Cause

Gambe e rasoio

A Young Woman Is Reaching For The Razor To Shave Her Legs via Shutterstock

La crescita di peli incarniti è dovuta quasi esclusivamente alle esigenze di rimozione dei peli superflui moderne. Molto più frequente negli uomini che nelle donne – il genere maschile, oltre a essere naturalmente più villoso, riscontra spesso la problematica a livello di barba – le cause derivano da un errata rasatura o una non adeguata pulizia dei pori alla fine del trattamento.

Per quanto riguarda il ricorso al rasoio, spesso direzioni improprie del taglio – o l’abitudine di tendere la pelle per evitare di ferirsi con la lama – determinano un’estremità molto acuminata del pelo. Questo, ricrescendo, aprirà un varco innaturale sotto lo strato superficiale della pelle, senza trovare però via d’uscita. In alcuni casi decisamente meno frequenti, inoltre, un pelo già spuntato può tentare di inserirsi nell’epidermide che lo circonda procedendo dall’esterno verso l’interno.

Nella depilazione tramite ceretta, ovvero con l’eliminazione totale del pelo dalla radice alla punta, il disturbo si presenta per una non adeguata pulizia della pelle. Il pelo, trovando il poro occluso da cellule morte o agenti esterni, si arrotola man mano su sé stesso senza mai spuntare all’esterno. Oltre ai problemi di igiene, poi, vi sono altri fattori che possono favorire l’insorgenza di peli incarniti: l’uso frequente di indumenti troppo aderenti, che formano una barriera fisica alla fuoriuscita del pelo, ma anche creme e altri cosmetici comedogenici.

Rimozione e rimedi naturali

Nella maggior parte dei casi, il trattamento dei peli incarniti è veloce, indolore e può essere condotto tranquillamente a livello casalingo. Quando la problematica è invece più grave, ovvero quando il pelo non è stato per molto tempo trattato o, in alternativa, quando si è formata una pustola infetta, è necessario vagliare il parere del medico o del dermatologo. In questi casi, infatti, si dovrà seguire una terapia farmacologica anche antibiotica o, nelle condizioni più complesse, sarà necessario intervenire con un piccolo intervento ambulatoriale. Di seguito alcuni consigli casalinghi da testare unicamente su peli incarniti di piccola entità:

  • Rimozione fisica: il metodo più semplice per sbarazzarsi del fastidio di un pelo incarnito è la sua rimozione fisica. Armandosi di pinzette opportunamente disinfettate, o di un ago da cucito, si rompe lo strato più superficiale della pelle per scoprire l’estremità del pelo. Fatto questo, basterà afferrarlo con la pinzetta ed estrarlo, facendo attenzione a non spezzare ulteriormente il pelo. Al termine dell’operazione, che sarà probabilmente accompagnata da residui sebacei poco piacevoli, l’area coinvolta andrà pulita e disinfettata con acqua ossigenata. Se non si avesse dimestichezza con questa pratica, è meglio affidarsi a mani esperte: il rischio è quello di causare microferite e piccole cicatrici, nonché di infettare inutilmente l’area;
  • Scrub: considerato come la gran parte dei peli incarniti si manifesti a livello molto superficiale, ricorrere a uno scrub o a una maschera esfoliante può efficacemente risolvere il problema. La blanda azione abrasiva, eliminando la pelle morta, può riportare alla luce l’estremità dei peli;
  • Sale: il sale è un ottimo rimedio naturale esfoliante, poiché aiuta ad eliminare le cellule morte e ad aumentare per osmosi la circolazione superficiale. Applicare una soluzione di acqua e sale per qualche minuto sull’area affetta, di conseguenza, potrebbe aiutare ad esporre un pelo incarnito. Questo anche perché il sale tende a disidratare momentaneamente la pelle dato l’assorbimento dei liquidi, quindi ne riduce il volume agevolando l’operazione. Inoltre, il potere disinfettante e antibatterico previene le infezioni dovute all’eccesso di sebo;
  • Zucchero bianco: la durezza tipica dei granelli di zucchero bianco lo rendono un perfetto rimedio per uno scrub d’emergenza. Basta creare una pasta morbida di zucchero e acqua e sfregare delicatamente sull’area affetta, quel tanto da rimuovere la pelle morta ed esporre una parte del pelo, da estrarre poi completamente con l’aiuto di una pinzetta.

Prevenzione

Rasatura della barba

Young Man Shaving via Shutterstock

Oltre alle tecniche di rimozione, è utile anche apprendere qualche consiglio per prevenire il disturbo. A volte, infatti, è sufficiente modificare leggermente le proprie abitudini depilatorie o di rasatura per escludere le più fastidiose conseguenze:

  • Preparazione della pelle: prima di procedere a depilazione o rasatura, si effettui uno scrub o si passi un guanto esfoliante, quindi si inumidisca la pelle con acqua a temperatura corporea. Si eviti, invece, l’acqua fredda: porta naturalmente i pori a chiudersi;
  • Direzione e pressione: qualora si opti per il rasoio, si faccia attenzione alla direzione del taglio. È meglio evitare di procedere contropelo, per non conferire al pelo un’estremità dalla forma innaturale. Non bisogna poi premere eccessivamente con la lama, né stendere la pelle eccessivamente per agevolare la procedura;
  • Pulizia: al termine dell’operazione, si pulisca adeguatamente l’epidermide con detergenti neutri e acqua tiepida, così da liberare i pori. Dopo qualche ora, o anche il giorno seguente qualora si fosse soggetti a irritazioni frequenti, si proceda con il normale scrub.

8 giugno 2014
Lascia un commento