Patate verdi e germogliate causano avvelenamento: allerta in Germania

L’istituto tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) mette in guardia le persone dal consumo delle patate verdi e germogliate, che non dovrebbero essere consumate a causa dei rischi che comportano per la salute, dovute a un ingrediente naturale che può portare all’avvelenamento: i glicoalcaloidi.

È stato nello specifico abbassato il limite di legge dei glicoalcaloidi presenti nelle patate, con una dose giornaliera tollerabile portata a 0,5 mg per ogni Kg di peso corporeo. Questo in seguito a un caso di avvelenamento registrato nel novembre 2015 su un’intera famiglia, che si è ammalata dopo aver consumato dei piatti a base di patate.

=> Leggi proprietà e calorie delle patate lesse

Le indagini hanno rivelato che le patate avevano un contenuto di glicoalcaloidi pari a 236 milligrammi per chilogrammo: allora il limite consentito per legge era di 200 mg/Kg al giorno, ora dimezzato a 100 mg/Kg per garantire alle persone di mangiare solo tuberi sicuri, che abbiano dunque un contenuto di questa sostanza naturalmente presente in questo ortaggio non dannosa per la salute.

=> Scopri calori e valori nutrizionali delle patate

Il Bfr ha detto che sono pochi i casi di avvelenamento da patate documentati negli ultimi 100 anni, ma è probabile che molti consumatori non li abbiano segnalati a causa dei sintomi difficili da correlare a tale tipologia di intossicazione. Oltre a ciò, sono stati diramati una serie di consigli per assicurarsi di mangiare solo patate sicure:

  • conservare le patate in un luogo fresco, buio e asciutto
  • non consumare patate vecchie, secche, verdi o fortemente germinative, così come gli snack costituiti principalmente da bucce di patate
  • rimuovere tutte le parti verdi prima di prepararle
  • se si desidera mangiare la buccia è bene sapere che solo le patate fresche e non danneggiate sono adatte a questo scopo
  • non mangiare patate che hanno un sapore amaro
  • non far mangiare ai bambini piccoli le patate non sbucciate
  • non riutilizzare l’acqua in cui le patate sono state bollite
  • sostituire l’olio con cui si friggono le patate.

18 maggio 2018
Immagini:
Lascia un commento