Mangiare a orari regolari e andare a dormire presto aiutano a prevenire i disturbi mentali. Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Douglas Mental Health University Institute e della McGill University aiuterebbero a mantenere regolari i ritmi ultradiani, cicli di 4 ore che regolano l’intera attività giornaliera dell’organismo.

Stando ai risultati ottenuti dal Prof. Kai-Florian Storch, autore principale dello studio, i ritmi ultradiani troverebbero posto all’interno dei più noti ritmi circadiani. Come ha spiegato lo stesso ricercatore:

I ritmi ultradiani sono periodo di tempo da una ad alcune ore collegati a vari aspetti della fisiologia dei mammiferi.

Di solito sovrapposte alle 24 ore giornaliere o ritmi circadiani, le oscillazioni ultradiane sono state osservate nei contesti della locomozione, del sonno, del nutrimento, della temperatura corporea, dei sieri ormonali e monoamine del cervello in varie specie, dai moscerini della frutta all’uomo.

Responsabile dei ritmi ultradiani la dopamina, una sostanza presente nel cervello. Quando la sua concentrazione risulta fuori della norma, come nei casi di schizofrenia o disturbo bipolare, la loro durata rischia di aumentare fino a 48 ore sconvolgendo così l’equilibrio sonno-veglia.

Lo studio è stato pubblicato dai ricercatori sulla rivista eLife e promette di fornire importanti basi sullo sviluppo di future terapie per i casi di schizofrenia e disturbo bipolare basate sulla regolazione dei livelli di dopamina nel cervello.

26 febbraio 2015
Fonte:
Lascia un commento