La pasta con le fave fresche è un piatto che si presta a essere servito soprattutto in primavera, quando è pronto il raccolto di quanto piantato nel corso del precedente inverno. In Italia la coltivazione delle fave è diffusa perlopiù in Sicilia, Puglia e Sardegna: in altre parole, regioni che godono di un inverno davvero mite.

Le fave fresche sono facili da preparare e gustose da mangiare, ma richiedono un lungo tempo di preparazione prima di finire davvero in tavola: i bacelli freschi devono essere aperti le fave estratte una a una. In seguito, i semi vanno bolliti e poi sgusciati, ancora una vota uno a uno, prima di essere effettivamente cotti e mangiati.

Nella stagione in cui sono disponibili, le fave sono oltre che gustose davvero salutari: apportano buone quantità di sali minerali e fibre. Per la caratteristica abbondanza di potassio e la scarsità di sodio sono naturalmente diuretiche e, dunque, depurative.

Le fave sono anche una buona fonte di ferro vegetale, per poterlo assimilare però è importante ricordarsi di assumente nello stesso pasto una fonte di vitamina C fresca. Tra gli accorgimenti più comuni una spremuta fresca, un limonata al naturale oppure una macedonia fresca non zuccherata ricca di kiwi da servire a fine pasto.

Pasta con fave fresche e noci

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 200 g di pasta;
  • 100 g di ricotta fresca;
  • 200 g di fave fresche crude;
  • 50 g di noci sgusciate;
  • 2 cucchiai di olio di oliva extra vergine.

Pulite le fave eliminando il baccello, sciacquatele e privatele della parte superiore utilizzando un coltello affilato. Fate bollire le fave per un paio di minuti, scolatele e raffreddatele sotto un getto di acqua fredda. Una volta fredde, ognuna dovrà essere premuta per eliminare il tegumento esterno. Nel frattempo fate bollire l’acqua per cuocere la pasta.

Quando le fave sono pulite, prendete una padella antiaderente, unite l’olio d’oliva, aggiungete le fave e un mestolo di acqua di cottura della pasta. Fate cuocere per circa 10 minuti. Unite poi la ricotta, fate sciogliere e, infine, aggiungete le noci sminuzzate. Scolate la pasta, trasferitela nella padella con le fave e spadellate. Servite, infine, calda e in porzioni.

Dal punto di vista nutrizionale, questa ricetta è un primo piatto: la quantità di ricotta e fave non sono sufficienti a coprire il fabbisogno di proteine di un intero pasto. Dopo la pasta con le fave fresche potreste servire una porzione di formaggio fresco, magari un caprino leggero condito con un po’ di olio e pepe, accompagnato da un ricco piatto di verdura fresche o anche grigliata e insaporita con qualche fogliolina di menta.

13 gennaio 2015
Lascia un commento