La pasta di sale è un materiale semplice da lavorare, tanto semplice che può costituire anche un ottimo esercizio di manualità per i bambini con la supervisione degli adulti. Abbiamo già spiegato come preparare la pasta di sale, cuocerla e conservarla al meglio: ma dopo averla realizzata, cosa si può fare? La pasta di sale può essere utilizzata, per esempio, per creare delle bomboniere artigianali a basso costo per tutte le occasioni, per decorare gioielli fai da te, oppure suppellettili magari ottenute con il riciclo creativo, ma anche semplicemente per esercitarsi in vista di decorazioni in cucina.

Esistono infatti, soprattutto per quanto riguarda i dolci, dei materiali estremamente malleabili, come la pasta di mandorle, che possono essere ben adoperate per decorare una torta, ma non sempre si dispone della giusta manualità per farlo: “giocare” con la pasta di sale può essere un primo passo per addentrarsi nel magico mondo delle decorazioni in cucina. Di seguito viene spiegato come fare per ottenere roselline o bamboline in pasta di sale. Naturalmente, queste istruzioni possono essere rivisitate con un po’ di fantasia per ottenere delle altre forme, come piccoli animali, dagli orsetti ai gattini.

pasta di sale

Roselline in pasta di sale

  • Estrarre delle piccole porzioni di pasta di sale dall’impasto del colore desiderato e appallottolarle singolarmente.
  • Schiacciare una prima pallina con i polpastrelli delle dita, a formare una circonferenza.
  • Arrotolare la circonferenza ottenuta come si arrotolasse un foglio: si noterà che si è appena formato il nucleo della rosellina.
  • Appiattire secondo le proprie preferenze altre palline con i polpastrelli, badando che solo uno dei bordi sia stavolta arrotondato: questi pezzetti di pasta di sale dovranno essere appiccicati al nucleo delle roselline e modellati in modo da formare dei veri e propri petali.
  • Eliminare la pasta di sale in eccesso, perché potrà essere utilizzata successivamente.

Bamboline di pasta di sale

  • Preparare degli impasti di pasta di sale di differenti colori: uno per il colore della pelle della bambola, un paio di colori accesi per il vestito e le scarpe, un ultimo colore per i capelli.
  • Modellare con le mani una sfera con la pasta di sale per la testa, quattro cilindri lunghi e sottili per gli arti, uno più spesso per il tronco della bambola.
  • Rivestire il tronco con la pasta di sale del colore desiderato per il vestito e due dei cilindri per gli arti con il colore per le scarpe, e modellare il tutto in modo da ottenere la forma desiderata.
  • Unire il tronco e gli arti insieme e continuare a decorare, magari aggiungendo delle perline, dei chiodi di garofano o dei pois a rilievo con altra pasta di sale di colore bianco o a contrasto.
  • Con la pasta di sale scelta per i capelli ottenere dei filamenti che andranno sistemati sulla testa e modellati per realizzare la pettinatura della bambola: la testa va unita infine al resto della bambola.
  • Completare disegnando il volto della bambola, con l’ausilio di uno stuzzicadenti per occhi e bocca, oppure con i chiodi di garofano per i soli occhi.

16 gennaio 2014
Lascia un commento