Passante cede la sua giacca a cane randagio

La popolazione turca, una volta di più, conferma il suo animo caritatevole e un forte spirito di accoglienza nei confronti dei randagi che animano le sue città. Le incredibili nevicate che stanno colpendo la nazione, incidono pesantemente sull’esistenza di chi vive all’aperto, sia persone che cani randagi. Per questo i cittadini, con il supporto dei vari comuni, cercano di fornire conforto e cura a chi ne ha bisogno. Non è passato inosservato il gesto di uomo che, di passaggio per le strade di Giresun, si è imbattuto in un cane bianco e nero esposto alle intemperie. L’animale, acciambellato accanto a un negozio chiuso, aveva cercato riparo sotto la sporgenza che protegge l’esercizio. Ma questo non sembrava bastare per difenderlo dalla forte nevicata in corso.

L’uomo, accortosi del suo disagio, si è avvicinato all’animale con dolcezza, fornendogli parole rassicuranti, qualche carezza e un po’ di cibo. Ma non pago ha voluto coprirlo con la sua giacca, rimanendo lui stesso esposto al freddo. Un atto caritatevole che la telecamera dell’abitazione posta dall’altro lato della strada ha catturato in tutta la sua bellezza. Il video è divenuto rapidamente virale e, dopo una veloce ricerca, è stato individuato il responsabile della vicenda.

=> Scopri tutto sui cani randagi di Istanbul


Bülent Kalpakçıoğlu, operaio comunale della cittadina, ha ricevuto dal sindaco Kerim Aksu un certificato speciale come ringraziamento per la sua empatia. Bülent, uomo dall’animo discreto e dall’indole umile, ha donato la sua giacca come gesto di compassione.

Era il minimo che potessi fare per salvare un altro essere in difficoltà. Se non avessi ceduto la mia giacca, la mia coscienza sarebbe stata divorata. Mentre noi siamo seduti a casa al caldo, loro sono fuori al freddo.

Come ha ribadito il sindaco. gli animali sono amici di tutti: è importante preservarne il benessere come parte integrante della comunità. Ma la Turchia è nota per la sua devozione verso i randagi, che vengono sfamati quotidianamente dai cittadini e dalle autorità comunali.

2 febbraio 2017
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento