Pasqua e riciclo creativo: gallinelle dai rotoli di carta igienica

In occasione della Pasqua vogliamo presentare un modo simpatico per realizzare degli animaletti come gallinelle a partire dal cartone interno ai rotoli di carta igienica.

Si tratta di un riciclo creativo davvero molto artigianale: il risultato, come si può vedere dalla foto, crea qualcosa di divertente, di approssimativo, soprattutto se realizzato dai più piccoli, una decorazione, ma non qualcosa di strettamente utile, come in altri casi. Per questa ragione, l’ideale sarebbe realizzare queste decorazioni con i propri figli, unendo così un’attività in compagnia a un simpatico gioco educativo, del quale i più piccoli faranno tesoro una volta diventati adulti.

foto 1

Materiali occorrenti

  • Rotoli in cartone di carta igienica
  • Forbici
  • Colla
  • Cartoncini bianchi o multicolore
  • Pennarelli

Procedimento

  • Tagliare gli estremi del rotolo di cartone: devono essere fatti quattro tagli perfettamente simmetrici alle estremità, due per ogni lato di al massimo un centimetro. I tagli servono per ripiegare il cartone all’interno al fine di chiuderlo.
  • Rivestire il cartone della carta igienica con il cartoncino colorato e fissarlo con la colla. Il colore può essere il bianco, come nell’immagine, ma può anche essere un colore di fantasia, magari ricorrendo a della carta da regalo, purché non sia troppo scura.
  • Ritagliare i cartoncini colorati. Quello di color rosso, ma che può essere sostituito anche da un altro colore per una gallina fantasiosa, deve provvedere a formare la cresta e i bargigli della gallina. Con un altro cartoncino si deve formare un becco: si ritaglia un quadrato e se ne piegano le estremità all’interno, in modo che la forma scelta sia quella di un becco. I vertici si possono piegare ancora una volta verso l’interno, in modo da far apparire il becco più realistico, ma poi diventerebbe difficile da incollare, a meno che per esempio non ci si aiuti con dello scotch.
  • Incollare con la colla stick i dettagli sui rotoli: i bargigli, la cresta e il becco. Per gli occhi, basta disegnarli con un pennarello, in modo semplice o più complesso, secondo le possibilità e l’età del bambino coinvolto.

20 aprile 2014
Lascia un commento