Trascorrere una Pasqua 2017 serena e amica dell’ambiente. Questo l’augurio rivolto da Greenpeace agli italiani, sotto forma di 5 consigli utili per pranzi e cene salutari oltre a indicazioni per una riduzione dei rifiuti prodotti durante i festeggiamenti.

=> Scopri verdure e ortaggi per il pranzo di Pasqua

Ridurre il numero e il volume dei rifiuti in plastica generati e l’assunzione dei pesticidi in occasione dei pasti pasquali è l’obiettivo indicato dall’associazione ambienstalista, che suggerisce inoltre dei metodi semplici per centrale tale risultato. Ecco i consigli di Greenpeace per la Pasqua 2017:

  1. Frutta e verdura di stagione, meglio se acquistata sfusa, biologica e a chilometro zero. Da evitare quelle pre-confezionate in imballaggi di polistirolo o plastica.
  2. Un cestino di vimini o una sporta di tela oppure anche una scatola di legno per portare alimenti e quanto altro necessario per il picnic all’aperto. Riducendo al minimo gli avanzi ed evitando di ricorre alle buste di plastica. Greenpeace ricorda anche che è possibile firmare la petizione rivolta al ministro dell’Ambiente per salvare il mare dalla plastica sul sito http://no-plastica.greenpeace.it.
  3. In caso di cibi caldi evitare contenitori in plastica, ma preferire quelli in vetro (più facili da lavare e riutilizzare).
  4. Utilizzare tovaglioli di stoffa per incartare il cibo. Possibile anche dare sfogo alla propria creatività realizzando “incarti” colorati e creativi ritagliando il tessuto da vecchie stoffe o strofinacci.
  5. Una giornata all’aria aperta trascorsa nel verde è sempre un buon consiglio, attenzione però all’eventuale assenza di fiori o insetti: potrebbe essere un preoccupante segnale dell’uso di pesticidi e diserbanti nell’area, potenzialmente dannosi per l’ambiente e la tua salute.

13 aprile 2017
Lascia un commento