Un’iniziativa dello zoo di Londra solleva le più aspre polemiche degli animalisti locali. Si chiama “Zoo Lates” e non è altro che un party all’interno della struttura, il venerdì dalle 18 fino alle 22. Un’iniziativa che pare essere molto gradita dai giovani della capitale inglese – si stima un guadagno di 800.000 sterline all’anno – ma forse pericoloso per la salute e la tranquillità degli animali. Stando a quanto riportano le fonti d’Oltremanica, infatti, sarebbero diversi gli incidenti.

Gran parte dei problemi sorgerebbe dalla disponibilità di alcolici agli eventi serali dello zoo. Stando a quanto svelato da un’inchiesta del Guardian, un uomo avrebbe addirittura gettato della birra sulle tigri, mentre un giovane si sarebbe levato la maglietta nel tentativo – fortunatamente fallito – di tuffarsi nella piscina dei pinguini. Lo scorso giugno, poi, una donna avrebbe cercato di entrare nelle recinzioni dei leoni, mentre il caos regnerebbe nell’area farfalle.

Un’iniziativa che, per quanto remunerativa e quindi d’investimento per la gestione degli animali, inizia a sollevare la preoccupazione di esperti e animalisti. In particolare, il dubbio è che queste feste scombussolino i cicli di sonno e riposo delle specie ospitate, aumentandone indebitamente il livello di stress. Ma anche di sicurezza: cosa potrebbe succedere se davvero si riuscisse a sfuggire ai controlli, entrando nella gabbia delle tigri?

Il party nasce sulla carta per essere di basso impatto per gli animali: nei venerdì d’estate, e per 35 sterline d’ingresso, ai partecipanti vengono consegnate delle cuffie sincronizzate affinché possano ascoltare musica senza disturbare gli ospiti dello zoo, in una vera e propria silent disco. Ma molti ballano, inciamperebbero su strutture e gabbie, canterebbero a squarciagola turbando la quiete del posto. Gran parte del baccano potrebbe essere eliminato non distribuendo alcol, ma una simile scelta limiterebbe di gran lunga il bacino di visitatori settimanali. Visitatori pronti a divertirsi con maschere e abiti in pieno stile animalier, forse poco informati sulle esigenze dei veri esemplari rinchiusi nella struttura.

Lo zoo, tuttavia, smentisce gran parte delle informazioni pubblicate sui quotidiani inglesi: sebbene alcuni incidenti siano confermati, come quello della birra sulle tigri, pochi episodi molesti si sarebbero davvero manifestati. Così spiega un portavoce:

Crediamo che i 225.000 visitatori degli Zoo Lates negli ultimi 5 anni abbiamo mostrato il rispetto degli animali che ci siamo attesi. Le pochissime eccezioni sono state accompagnate alla porta.

22 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Via:
Lascia un commento