Parco della Sila candidato a Patrimonio UNESCO

Gli Ecosistemi forestali della Sila rappresenteranno l’Italia nel 2019 all’interno della lista degli aspiranti allo status di Patrimonio UNESCO. A lanciare la candidatura la Commissione Nazionale Italiana dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, sostenuta a gran voce dal Parco Nazionale della Sila.

Il Parco Nazionale della Sila è stato istituito nel 2002 (il 14 novembre), in contemporanea all’istituzione dell’Ente di Gestione. Al suo interno si trovano la Sila Piccola, la Sila Grande e la Sila Greca. La superficie totale compresa al suo interno è pari a 73.695 ettari, buona parte dei quali rientravano già entro i confini del precedente Parco Nazionale della Calabria.

=> Scopri Monte Peglia, candidato a Premio per la Biodiversità Unesco Mab 2017

Molteplici le sfaccettature naturalistiche che rendono il Parco Nazionale della Sila e in generale gli ecosistemi che rappresenta tra le mete naturalistiche più apprezzate d’Italia. Diversi gli itinerari possibili, dal territorio pianeggiante a quello vallivo, passando per quello a terrazze o quello alluvionale. Trovano spazio all’interno della Sila Grande castagneti, faggi e larici, mentre popolano la Sila Piccola faggi e abeti bianchi.

=> Guarda le immagini Street View che celebrano l’Etna come Patrimonio UNESCO

La candidatura della Sila si aggiungerà alle altre già avanzate dalla stessa Commissione Nazionale Italiana dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura:

La Commissione ha confermato all’unanimità la candidatura nella lista rappresentativa del Patrimonio Immateriale per il 2019 la Perdonanza Celestiniana e ha iscritto alla lista propositiva italiana del Patrimonio Mondiale il sito Grotte e carsismo evaporitico dell’Emilia Romagna.

25 gennaio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento